Berlino, giovani litigano e si accoltellano nella notte a Moabit

pedone rigaer processo undicenne reati moabit ascia anissa attacco transfobico retata tratta di esseri umani telegram disabile quattordicenne 84enne 14enne evaso

Poco dopo la mezzanotte, nel distretto berlinese di Moabit, diversi giovani hanno iniziato a discutere e quello che inizialmente era uno scontro verbale è presto degenerato in qualcosa di peggio.

Il fatto si è verificato proprio all’incrocio tra Huttenstraße e Berlichingenstraße, dove due gruppi di persone, ciascuno composto da tre uomini, sono passati dalle invettive alle mani in pochissimo tempo.


motociclista

Leggi anche:
Berlino, motociclista ubriaco fugge dalla polizia: fermato, la sua situazione peggiora

Lite degenera: alcuni giovani si accoltellano a Moabit

Dopo una prima scazzottata, sono infatti stati estratti i coltelli. Un ventenne è stato accoltellato alla coscia due volte, davanti e da dietro, e infine accoltellato anche alla schiena. Un suo amico di 21 anni ha riportato abrasioni al collo, mentre a un altro ragazzo, di 23 anni, è stato spruzzato spray al peperoncino negli occhi, che sono rimasti feriti.

Gli autori dell’aggressione sono fuggiti, mentre sul posto è stata in seguito rinvenuta un’autovettura ricoperta di sangue. Il dipartimento di investigazione criminale ha messo al sicuro le prove acquisite, tra cui lo spray urticante e il coltello, entrambi recuperati durante una perquisizione eseguita nelle vicinanze.

A Berlino continuano le violenze tra giovanissimi

Procedono intanto le indagini, allo scopo di accertare le cause e la dinamica dello scontro e di arrivare all’identificazione dei responsabili. Nel frattempo si riflette sul fenomeno in senso ampio.

Proprio recentemente, infatti, la polizia di Berlino ha lanciato l’allarme relativamente all’aumento del numero di giovani, e a volte anche giovanissimi, che sono soliti uscire addosso un coltello o altre armi simili. Aumentato anche il numero delle aggressioni commesse. Nel 2022, infatti, sono state 3.317, mentre nel 2021 erano state 2.777 e meno di 2.600 nel 2020. Il rischio aumenta in prossimità di alcuni particolari luoghi (come alcune stazioni) e all’interno di particolari fasce orarie, ma il fenomeno va comunque considerato anche a prescindere, perché l’incremento progressivo della violenza urbana tra i giovanissimi è ormai diventato un dato statisticamente rilevante.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest