Anmeldung: come fare per registrarsi in Germania

Trasferirsi in Germania è un passo che per molti connazionali appare minaccioso e complesso, ma se si affronta un problema alla volta si può scoprire che nessun ostacolo è insormontabile. Basta essere preparati e conoscere il contesto in cui ci si vuole inserire, a cominciare dalla “temibile” Anmeldung, che in realtà è un’operazione molto semplice.

Per quanto riguarda la Germania, va precisato che tutti i cittadini europei hanno il diritto di circolare, risiedere e lavorare senza aver bisogno di un permesso di soggiorno tedesco. Occorre però effettuare l’Anmeldung, cioè registrarsi presso qualunque Bürgeramt (l’equivalente dell’Ufficio Circoscrizionale) della città in cui si vuole vivere. La legge stabilisce che l’Anmeldung vada effettuata entro 14 giorni al massimo dal trasferimento, ma visti i tempi mediamente lunghi della burocrazia, anche solo richiedere un appuntamento significa rispettare la scadenza. Ad ogni modo registratevi prima possibile.


diritto del lavoro

Leggi anche:
5 cose sul diritto del lavoro a Berlino che forse non sapevate. Intervista a Katia Squillaci

Perché l’Anmeldung è importante?

L’Anmeldung è molto importante perché ci consente di ricevere:

Un certificato di registrazione (Anmeldebestätigung), che dimostra che vivete a Berlino e vi servirà per una serie di operazioni fondamentali, dall’apertura di un conto bancario alla stipula di un contratto internet o telefonico e molto altro. Si ottiene il giorno stesso dell’appuntamento al Bürgeramt.
Uno Steuer-ID, fondamentale a fini fiscali. Se è la prima Anmeldung, lo si riceverà dopo qualche giorno per posta, ma andando al Finanzamt si potrà velocizzare la procedura.
Un indirizzo registrato, a cui verranno inviate tutte le comunicazioni ufficiali.

L’Anmeldung è necessaria anche quando ci si trasferisce in un’altra città tedesca, basta ripetere l’operazione già effettuata altrove e segnalare il nuovo indirizzo.

In quale Bürgeramt recarsi

Normalmente ci sono molti Bügeramt a Berlino e non si deve andare necessariamente in quello del proprio quartiere. Non è obbligatorio prenotare un appuntamento online, ma è fortemente consigliato e lo si può fare qui. Ci si può anche recare sul posto spontaneamente, ma si dovrà essere pronti a fare una lunga fila. Un altro modo per prenotare è chiamando il 115.

Quando si prenota, si ottiene un numero di appuntamento (Vorgangsnummer). Questo numero è necessario e se lo si perde si può chiamare il 115 e comunicarlo, oppure richiederlo alla alla reception del Bürgeramt.

E se non parlo ancora bene il tedesco?

Al Bürgeramt, alcuni impiegati parlano inglese, ma non tutti. Vi consigliamo dunque di farvi accompagnare da un amico o da un consulente che possa aiutarvi, nel caso in cui l’inglese non fosse un’opzione.

Si consiglia inoltre di arrivare con un lieve anticipo, anche l’appuntamento in sé durerà non più di 10 minuti circa.

Photo by Leitfalke

Quali documenti servono, per ottenere l’Anmeldung

Un modulo di registrazione compilato chiamato Anmeldeformular (qui in tedesco, qui in inglese, e qui ci sono delle indicazioni in inglese su come compilarlo). Vi verrà consegnato al Bürgeramt, ma vi consigliamo di scaricarlo prima, anche per studiarvelo meglio.

Il modulo di conferma compilato dal padrone di casa (Wohnungsgeberbestätigung). Se affittate una stanza o siete in subaffitto, anche l’inquilino principale (Hauptmieter) può consegnarvi questo documento, ma avrete comunque bisogno dell’autorizzazione del proprietario. È possibile anche, ove si risieda presso qualcuno, esibire una dichiarazione della persona che ospita il richiedente (Einzugsbestätigung), ma in questo caso occorre informarsi con precisione su come vada formulata correttamente la suddetta dichiarazione.

Documento di identità valido e in originale.

Documenti di un eventuale veicolo. Se avete un veicolo immatricolato al vostro vecchio indirizzo, portate con voi la Zulassungsbescheinigung Teil 1. e vi apporranno il nuovo indirizzo sui documenti tramite adesivo. L’Anmeldung è gratuita, ma costa 10.80€ per veicolo. Si può pagare in contanti o con Girocard.

Nel caso si trasferisse un nucleo familiare, va aggiunto un eventuale certificato di matrimonio e il certificato di nascita di figli a carico. Questo consentirà, in seguito, di avere dei vantaggi fiscali, perché le persone coniugate o con figli pagano meno imposte sul reddito.

Photo by fiverlocker

Devo andare per forza a fare l’Anmeldung di persona?

In realtà no, può andarci anche qualcun altro, ma questa persona avrà bisogno di una lettera di procura firmata (Vollmacht) e le firme su passaporto, modulo di Anmeldung e Vollmacht dovranno essere conformi. Si dovrà portare inoltre il passporto originale. Nonostante ciò, se vi state registrando a Berlino per la prima volta, vi consigliamo di farlo di persona. Spesso infatti, nella capitale tedesca, gli impiegati rifiutano la registrazione per procura, anche in presenza di una lettera firmata.

Dopo l’Anmeldung, la tassa sulla TV e l’acquisizione del diritto di voto per la comunali

Dal momento dell’Anmeldung, inoltre, si riceverà per posta la documentazione per pagare il Rundfunkbeitrag, l’imposta sull’utilizzo dei mezzi radiofonici di comunicazione. È obbligatoria e indipendente dal fatto di possedere o meno un apparecchio radiofonico o televisivo e il suo ammontare è di 17.98 euro al mese. Nel caso in cui la tassa sui mezzi radiofonici fosse già pagata da un ospite o da un altro domiciliato non occorre pagarla, bensì comunicare il numero di pagamento già esistente alla Ard zdf Deutchlandradio al momento di ricezione della lettera, telefonicamente oppure online.

Un’ulteriore conseguenza della registrazione è anche l’acquisizione del diritto di voto per le elezioni amministrative comunali (Kommunalwahlen), cosa che potrete fare presso il seggio indicato o anche per corrispondenza.

steuer photo

La tassa sulla Chiesa

Una delle domande a cui si deve rispondere compilando il questionario necessario per l’iscrizione è se si professi una religione. In questo caso verrà applicata in seguito la cosiddetta “tassa sul credo religioso” (Kirchensteuer), con una trattenuta sulla busta paga (o una percentuale delle entrate) destinata alla chiesa di riferimento. Anche solo il fatto di essere stati battezzati, però, potrebbe portare a un’applicazione della regola. Per questo motivo l’unico modo per non pagare la Kirchensteuer è la cosiddetta Kirchenaustritt, che formalizza l’uscita ufficiale dalla Chiesa Cattolica.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest