Berlino: scoperto un tunnel sotterraneo sotto il Rigaer 94

0
182
Rigaer94
Rigaer94. Di Singlespeedfahrer - Eigenes Werk, CC0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=95148818

Durante l’ultima perquisizione dell’edificio occupato noto come Rigaer 94, nel quartiere berlinese di Friedrichshain, la polizia ha fatto una scoperta sorprendente e del tutto inaspettata. Entrati nello stabile principalmente per verificare l’identità dei residenti, gli agenti hanno scoperto non solo due appartamenti dei quali non si conosceva l’esistenza, ma anche delle scale e un tunnel sotterraneo parzialmente completato che, attraverso una breccia nel muro del seminterrato, porta a un edificio vicino. Il tunnel sarebbe lungo fra i tre e i quattro metri e anche un altro muro in un edificio adiacente sarebbe stato sfondato.

Gli agenti di polizia: “il tunnel sotterraneo costituisce un pericolo”

Nel rapporto della polizia si parla di un “notevole pericolo” causato da questa alterazione alla struttura dell’edificio e ha indicato l’ispettorato per l’edilizia del distretto di Friedrichshain come responsabile per la messa in sicurezza delle strutture coinvolte.


Leggi anche:
Perquisizione in Rigaer Straße 94: preludio di nuovi scontri?

Nel corso dell’ultima perquisizione sono stati raccolti i dati personali di 26 persone, dislocate in 24 appartamenti – due dei quali, nella soffitta e nel seminterrato, erano ignoti anche al proprietario dello stabile. Al momento le cause di sfratto già in corso per i residenti del Rigaer 94 sono 14, secondo l’avvocato del proprietario Alexander von Aretin. Una di queste, che sarà ascoltata dal tribunale competente il prossimo 2 dicembre, riguarda il pub Kadterschmiede, che si trova al piano terra, nella parte posteriore dell’edificio.

La perquisizione è solo il più recente di una serie di episodi che hanno visto scontrarsi le forze dell’ordine e i residenti dello storico squat berlinese. Lo scorso giugno, in occasione di un’ispezione antincendio, i residenti avevano opposto una violenta resistenza all’ingresso degli agenti, lanciando pietre dai tetti e incendiando barricate. La suddetta ispezione, tuttavia, non aveva rilevato irregolarità, tanto da far pensare che si potesse sperare in una tregua, almeno momentanea, nello scontro fra gli occupanti e le istituzioni locali.

facebook
Twitter
Pinterest