Ottenere un appuntamento per il vaccino in Germania: domande e risposte

0
460
appuntamento per il vaccino

A partire dal 7 giugno, sarà abolito l’ordine di priorità per le vaccinazioni in Germania, il che vuol dire che chiunque potrà prenotarsi tanto presso gli studi medici quanto presso i centri di vaccinazione. Questo non vuol dire, tuttavia, che sia possibile per tutti ottenere un appuntamento per il vaccino in tempi rapidi. Fra le critiche che sono state mosse alla campagna vaccinale del governo, infatti, la più aspra è quella relativa alle forniture insufficienti di vaccino, che rallenterebbero l’immunizzazione della popolazione indipendentemente da qualsiasi altro sforzo organizzativo. Questo vuol dire che, pur con le prenotazioni aperte, potrebbero volerci settimane per avere un appuntamento, a seconda della disponibilità di dosi di vaccino presso lo studio medico o il centro vaccinale che si sceglie. Ecco alcune risposte alle domande più frequenti sulla procedura per ottenere un appuntamento per il vaccino.


Leggi anche:
Dosi di vaccino sprecate e carenze strutturali: un medico accusa il ministro Spahn

Che cosa vuol dire, in pratica, l’abolizione dell’ordine di priorità?

L’abolizione dell’ordine di priorità vuol dire che chiunque ha il diritto di prenotare un appuntamento per il vaccino, indipendentemente dall’età, dallo stato di salute, dalla presenza di patologie pregresse e dalla professione esercitata.

Questo vuol dire che posso farmi vaccinare a partire da lunedì?

Non è detto che sia così semplice. A seconda della disponibilità di vaccino nella particolare zona o presso lo studio medico o centro vaccinale di preferenza, potrebbero volerci anche diverse settimane per ottenere un appuntamento per il vaccino. Se un centro o uno studio medico non ha grandi “scorte”, per esempio, potrebbe essere obbligato a dare la priorità a chi deve ricevere la seconda dose, che va somministrata entro tempi precisi, e quindi potrebbe trovarsi nell’impossibilità di garantire appuntamenti a chi non ha ancora ricevuto la prima. Il governo ha fatto sapere, tuttavia, che la prossima settimana gli studi medici riceveranno 2,6 milioni di dosi di Biontech-Pfizer, 300.000 di AstraZeneca e 514.000 di Johnson & Johnson.

Chi può somministrare il vaccino?

Il vaccino può essere somministrato negli appositi centri vaccinali, presso i medici di base, presso gli studi medici privati e anche presso i medici aziendali. Questi ultimi riceveranno circa 700.000 dosi di vaccino Biontech-Pfizer nella prima settimana, secondo quanto dichiarato dal ministro della sanità Jens Spahn (CDU).

Se ho un appuntamento per il vaccino precedentemente prenotato, devo confermarlo?

Non occorre: gli appuntamenti già prenotati verranno smaltiti regolarmente.

Gli studi medici e i centri sono obbligati ad abolire i gruppi prioritari?

No. Anche se il governo ha abolito l’ordine di priorità per certi gruppi, i singoli Land possono comunque applicare dei criteri di priorità nei centri vaccinali, oppure offrire il vaccino a determinati gruppi, come i bambini e gli adolescenti.

Si possono vaccinare i bambini?

È possibile vaccinare i bambini di età superiore a 12 anni con il preparato Biontech-Pfizer. Per quanto sia arrivata l’approvazione dell’EMA, tuttavia, in Germania questa pratica non è generalmente consigliata. La Commissione Permanente sulle Vaccinazioni (Stiko) ha ribadito che non ci sono ancora dati sufficienti per valutare in modo efficace i rischi collegati al Covid-19 nei bambini, soppesandoli contro i rischi di possibili effetti avversi della vaccinazione. Per questo motivo la Stiko considera preferibile la vaccinazione solo nei casi di bambini con specifiche patologie preesistenti, che rendano più pericolosa un’infezione da Covid-19. Ulteriori precisazioni in merito si attendono per la prossima settimana.


Johnson & Johnson

Leggi anche:
EMA approva Biontech-Pfizer per ragazzi da 12 anni in su. La commissione Stiko: “Ci vuole cautela”

 


Sarà obbligatorio per gli studenti vaccinarsi, per poter tornare a scuola dopo l’estate?

No. Il ministro della sanità Jens Spahn ha chiarito più volte che non ci sarà obbligo vaccinale e che la frequenza scolastica o la possibilità di frequentare l’asilo non sarà riservata ai vaccinati. La decisione di vaccinare o meno i bambini spetta ai genitori, con la consulenza dei medici che conoscono i singoli casi.

Per ulteriori informazioni consigliamo di consultare il sito del Governo Federale Tedesco e ill sito Zusammen Gegen Corona.