EMA approva Biontech-Pfizer per ragazzi da 12 anni in su. La commissione Stiko: “Ci vuole cautela”

0
413
12 anni

L’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha dato il suo imprimatur: in Europa, potranno essere vaccinati contro il Corona anche i ragazzi dai 12 anni in su. Il vaccino utilizzato in questi casi sarà Biontech-Pfizer ed è la prima volta che un preparato anticovid viene approvato in Europa per persone di età inferiore a 16 anni.

Lunedì la Commissaria europea per la salute Stella Kyriakides ha scritto su Twitter: “Gli Stati membri possono ora decidere autonomamente se estendere la loro campagna di vaccinazione ai giovani” per poi aggiungere “Per porre fine a questa crisi, ogni dose conta”.


Johnson & Johnson

Leggi anche:
Germania, arriva anche Johnson & Johnson. Il ministro Spahn: “Ci vorrà la fine dell’estate per vaccinare tutti”

 


Germania, la Commissione permanente per le vaccinazioni esprime cautela

In Germania, la Commissione permanente per le vaccinazioni (Stiko) non ha ancora dato un via libera altrettanto universale ed entusiastico.

Alla base della cautela di Stiko, come sottolineato nel fine settimana dal membro della Commissione Christian Bogdan, c’è il fatto che si sappia ancora relativamente poco dei possibili effetti collaterali del vaccino sui più piccoli. “In questo senso, c’è ancora una mancanza di dati sufficienti” ha precisato Bogdan, aggiungendo: “La risposta immunitaria di un bambino può essere diversa da quella di un adulto. Ecco perché abbiamo bisogno di maggiori informazioni”.

Vaccino consigliato ai ragazzi con patologie pregresse

Per questa ragione, la Commissione permanente per le vaccinazioni ha scelto di non raccomandare ancora il vaccino a tutti i ragazzi, ma solo a coloro che abbiano avuto o abbiano patologie pregresse e per i quali il Covid potrebbe avere un decorso pericoloso.

Vaccino da 12 anni in su: teoricamente possibile dal 7 giugno

Il via libera dell’EMA è stato invece accolto con grande entusiasmo dal ministro della salute tedesco Jens Spahn, che nella giornata di venerdì ne ha parlato come di una “grande notizia”. La settimana scorsa, inoltre, i membri della tavola rotonda tra il governo federale e i Land hanno concordato sulla possibilità di permettere ai più giovani di prenotarsi a partire dal 7 giugno. Data in cui verrà meno il cosiddetto ordine di priorità nelle vaccinazioni.

Stati Uniti e Canada, intanto, hanno cominciato a vaccinare ragazzi dai 12 ai 15 anni già da qualche settimana.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest