Insegnante con tatuaggi nazisti licenziato. Il tribunale: “Licenziamento giusto”

0
433
tatuaggi nazisti
Von Als Urheber des Fotos ist in Ihren Publikationen folgendes anzugeben:Marek Peters / www.marek-peters.comWeitere Fotos können beim Fotografen oder über das Portal Infos gegen Rechts - Datenbank und Suchmaschine zu und gegen Neonazis, Rechtsextremismus und Rassismus durchsucht werden.Zudem können Sie die Arbeit von Marek Peters über Flattr unterstützen. - self-made (Rassistischer Neonazi als Skinhead), GFDL 1.2, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3205238

È stato licenziato perché ha sul corpo una serie di tatuaggi nazisti: è successo a un insegnante tedesco, che però ha ritenuto illegittima l’interruzione del suo rapporto di lavoro, decidendo di fare ricorso.

Insegnante con tatuaggi nazisti: cosa ha deciso il giudice

Il tribunale del lavoro di Berlino-Brandenburgo competente, tuttavia, ha dato torto all’uomo. Nella sentenza è stato sottolineato il fatto che la presenza di tatuaggi di quel tipo dimostri un’oggettiva mancanza di idoneità all’insegnamento da parte di chi li ostenta, perché tale idoneità include anche la fedeltà alla Costituzione.


NSU

Leggi anche:
NSU, la cellula neonazista che ha insanguinato la Germania

 


Che tatuaggi aveva l’insegnante?

I tatuaggi dell’uomo comprendevano il motto delle SS “Meine Ehre heißt Treue” (Il mio onore si chiama lealtà), scritto in caratteri gotici, la cosiddetta runa Wolfsangel, simbolo originario della Germania adottato anche dal primo movimento nazista, prima di essere rimpiazzato dalla svastica, e il Sole nero o Ruota Solare, simbolo vicino al misticismo nazista e noto anche per essere presente sul pavimento di una stanza del Castello di Wewelsburg, la cui ristrutturazione fu fortemente voluta da Himmler.

La sala del castello di Wewelsburg con il Sole Nero.
Dirk Vorderstraße, CC BY-SA 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0>, via Wikimedia Commons

Un nuovo tatuaggio prima della sentenza non ha cambiato nulla

La presenza, tra i tatuaggi, della frase aggiuntiva “Cara famiglia” non ha cambiato l’esito della sentenza. Intanto la frase, come rilevato dalla corte, è stata tatuata al di sotto della cintura dei pantaloni e non appare quindi visibile. Inoltre il tatuaggio è successivo al licenziamento e quindi non inficia in nulla la valutazione della sua legalità. La decisione del giudice non poteva infatti che riferirsi ai tatuaggi presenti sull’uomo al momento del suo licenziamento e solo a quelli.

In ogni caso, a prescindere dalla valutazione del momento in cui il nuovo tatuaggio è stato eseguito, la scritta “Cara Famiglia” non sembra di per sé sufficiente a modificare di molto la semantica dei tatuaggi dell’uomo.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest