Afd sotto sorveglianza in Sassonia-Anhalt. Via libera ai servizi segreti

0
1913
Photo by Pexels (Pixabay)

Afd è stata ufficialmente messa sotto sorveglianza, almeno in Sassonia-Anhalt. In questo Land, infatti, l’intero gruppo di Afd è infatti ora monitorabile da parte dell’intelligence per decisione della Verfassungsschutz, l’Ufficio federale per la Protezione della Costituzione.

La decisione è stata comunicata alla Commissione di controllo del parlamento locale e confermata da Michael Götschenberg (ARD-Hauptstadtstudio), mentre a parlarne per primo è stato il “Mitteldeutsche Zeitung”.

Cosa significa esattamente questo?

La decisione di mettere sotto sorveglianza Afd significa che l’intero gruppo della Sassonia-Anhalt potrà ora essere controllato dai servizi segreti con mezzi che vanno dal reclutamento di informatori al monitoraggio delle comunicazioni, nonché dei flussi finanziari.


Gasare i migranti
Photo by Medienmagazin pro
Leggi anche:
Germania, l’estrema destra cerca di monopolizzare le proteste anti-lockdown. Lo dice l’Ufficio federale della Protezione della Costituzione

 


 

Perché è successo?

La decisione si basa su un ampio rapporto redatto sulla base dell’attività di Afd in Sassonia-Anhalt. Probabilmente ha avuto un certo peso anche l’ingresso nell’esecutivo del Land, sancito dal congresso di Dessau del settembre scorso, di Hans-Thomas Tillschneider, considerato un esponente della frangia di estrema destra del partito.

Tillschneider era già monitorato dall’Ufficio per la protezione della Costituzione, così come il leader di Afd in Turingia Björn Höcke e Andreas Kalbitz, espulso dal partito in seguito alla scoperta della sua militanza giovanile in un partito filo-nazista.
Tillschneider, Höcke e Kalbitz sono tutti e tre figure di spicco dell’Ala (Der Fluegel), la frangia di Afd che l’anno scorso è stata classificata, sempre dall’Ufficio per la protezione della Costituzione, come una fazione di estrema destra


Gasare i migranti

Leggi anche:
“Gasare i migranti”, Afd caccia il portavoce Christian Lüth. Ma davvero non sapeva chi fosse?

 



Lo scioglimento dell’Ala? Una messinscena

L’Ala di Afd intanto ha dichiarato il suo scioglimento, ma l’intelligence ritiene che l’operazione sia stata solo una copertura e lo ha sottolineato più volte l’anno scorso anche Thomas Haldenwang, presidente dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione.

L’elezione di Tillschneider in Sassonia-Anhalt, che ha trionfato con un significativo 84%, è stata vista come una prova della definitiva svolta a destra di un partito già controverso. Entrambi i gruppi Afd in Turingia e in Brandeburgo sono intanto già monitorati, perché considerati sospetti.


Olocausto

Leggi anche:
Provocazione per AfD: copia del Memoriale dell’Olocausto davanti a casa di Björn Höcke

 



Cosa succederà al partito nel suo complesso?

Fino ad ora, il servizio di intelligence è autorizzato a valutare solo fonti pubblicamente accessibili come i programmi di partito, i discorsi, le interviste e le pubbliche dichiarazioni. Soltanto in presenza di singoli casi sospetti, possono essere attivati mezzi di altro tipo. Secondo i media, tuttavia, l’Ufficio per la protezione della Costituzione potrebbe classificare anche l’intero partito come un caso sospetto e in questo caso esporlo a un controllo totale da parte dell’intelligence.

Questo avverrà ove l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione individuasse indizi pesanti di aspirazioni anticostituzionali da parte dell’intero partito.

(Fonte, Tagesschau)