La ministra della difesa Lambrecht e il volo sull’elicottero militare col figlio: è polemica

La ministra tedesca della difesa, Christine Lambrecht. Photo credits: EPA-EFE/SHAWN THEW

Christine Lambrecht confonde l’aviazione con la Lufthansa” – critica aspramente la CDU, a proposito di un volo ufficiale da Berlino allo Schleswig-Holstein, nel quale la ministra della difesa (SPD) si sarebbe fatta accompagnare dal figlio Alexander. Una scelta “poco seria”, secondo Thorsten Frei, primo segretario parlamentare del gruppo parlamentare dell’Unione.

La pietra dello scandalo è un viaggio in elicottero effettuato poco prima di Pasqua. Il 13 aprile scorso, la ministra Lambrecht si è recata in visita a ufficiale Stadum, presso il battaglione di guerra elettronica (EW) 911 e poi, direttamente da lì si è recata in vacanza a Sylt con il figlio ventunenne. Secondo l’opposizione, quest’ultimo non avrebbe dovuto viaggiare con la madre su un mezzo dell’aviazione militare, ma raggiungerla separatamente, se lo scopo era poi spostarsi insieme per le vacanze.


giusto

Leggi anche:
Scholz promette all’Ucraina consegne di armi dall’industria tedesca. L’opposizione: “Troppo poco, troppo tardi”

 


La ministra della difesa Lambrecht: “tutto in regola, nessun illecito”

La ministra risponde alle accuse sostenendo che la presenza di un accompagnatore sui voli ufficiali è perfettamente legale, se le spese dei loro viaggi vengono pagate a parte – cosa che è avvenuta in questo caso. Ai voli degli accompagnatori viene applicato un importo equivalente della tariffa standard in classe economica di Lufthansa – nonostante il costo di un volo sull’elicottero militare in questione sia notevolmente superiore (intorno ai 5300 Euro secondo quanto riportato dal Tagesspiegel). Per quanto Lambrecht non abbia commesso alcun illecito, i suoi oppositori ne fanno un discorso di opportunità politica. Il fatto che la Bundeswehr sia stata utilizzata per uno spostamento che aveva uno scopo essenzialmente privato, pur con la copertura delle spese a carico del passeggero e non dei contribuenti, è considerato inelegante abbastanza da spingere la Berliner Zeitung a definirlo un “Flugskandal”, uno “scandalo aereo”.

Non migliora la situazione il fatto che il giovane Alexander abbia “ostentato” su Instagram il volo ufficiale, postando una foto con la didascalia “Buona Pasqua”.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest