Germania, l’Aeronautica Militare inizia a trasferire pazienti Covid da un ospedale all’altro

Aeronautica militare
irbus A310 MRT MedEvac. Deutsch: Presse- und Informationszentrum der LuftwaffeEnglish: German Air Force Public Information Office, Attribution, via Wikimedia Commons

L’aeronautica militare tedesca sta mettendo a disposizione due aeromobili destinati al trasporto di pazienti di terapie intensive intasate, in quanto fortemente messe a dura prova dalla pandemia.

Secondo quando riportato dalla dpa l’attività dei due aerei è cominciata nella giornata di venerdì, quando un Airbus A310 MedEvac è decollato poco dopo le 13.00 alla volta dell’aeroporto bavarese di Memmingen, dove ha preso in carico pazienti gravemente malati per poi ripartire alla volta di Münster-Osnabrück, nel Nord Reno-Westfalia.


collasso

Leggi anche:
Terapie intensive al collasso a Berlino: solo 91 posti liberi. Verso il triage

 


L’Aeronautica Militare tedesca mette a disposizione i suoi aeromobili

Due sono gli aeromobili attrezzati per questa emergenza, il succitato A310 MedEvac, di fatto un’unità di terapia intensiva volante, con sei posti disponibili, e un aereo speciale da ricognizione convertito, un A319OH, in cui sono state installate due postazioni di terapia intensiva. In realtà ce ne sarebbe anche un terzo, un A400M MedEvac, che stazionerebbe a Wunstorf (Bassa Sassonia).

Si continua a seguire la logica del quadrifoglio

Questa è la prima volta che l’aeronautica militare, ma in generale le forze armate, aiutano gli ospedali a gestire una situazione resa sempre più problematica da un numero particolarmente elevato di pazienti affetti da Covid19 nelle terapie intensive. I pazienti vengono dunque trasferiti in regioni che possono offrire una disponibilità di posti liberi, seguendo soprattutto lalogica del quadrifoglio”.
I 16 Länder si possono infatti raggruppare in cinque gruppi secondo un criterio di prossimità geografica. Questi gruppi vengono chiamati, appunto, quadrifogli, e la regola di massima è quella di trasferire i paziente, in caso di saturazione delle singole strutture, prima all’interno della stessa regione, poi nell’ambito del “quadrifoglio di riferimento”. Solo dopo aver verificato l’insussistenza di questa possibilità, si può ricorrere all’aiuto federale.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest