A Berlino, un’opera dedicata ai migranti dispersi in mare: “Landless Stranded” di Pejac

0
156
Landless Stranded di Pejac

Chi si trovasse a passare in questi giorni per Zossener Straße, nel quartiere berlinese di Kreuzberg, potrà notare, guardando in alto, un elemento nuovo nel profilo familiare della Heilig Kreuz Kirche. La figura è quella di un bambino che regge una torcia accesa e, anche se dalla strada non è facile accorgersene, indossa un giubbotto di salvataggio, di quelli che si usano in mare. Si tratta di “Landless Stranded”, installazione dell’artista spagnolo Pejac. “Quest’opera” spiega l’artista “parla di tutti coloro che si trovano alla deriva, anche sulla terraferma”.

Landless Stranded di Pejac

Per poter vedere l’installazione nella sua completezza, Pejac ha fatto installare un binocolo sul lato opposto della strada rispetto alla chiesa, così che sia possibile per chiunque scoprirla nel dettaglio. La figura del bambino in pericolo si tende, dinamicamente e drammaticamente, reggendosi alla croce e fissando nella direzione della torcia da sotto il piccolo cappuccio, come in cerca di un porto sicuro.


Leggi anche:
A Berlino una manifestazione per accogliere i rifugiati afgani

 


Landless Stranded: Pejac lancia una raccolta fondi per Sea Watch

Perché collocare un’opera in una posizione così scomoda che si rende necessario utilizzare un binocolo per vederla? La scelta, spiega Pejac, non è casuale. “Landless Stranded” richiede uno sforzo per essere vista proprio per ricordare allo spettatore quella distanza, spesso concettuale più che fisica, che separa la nostra quotidianità da ciò che è diverso e “altro” da noi, che spesso ci fa paura e con la cui situazione non riusciamo a empatizzare. Sul binocolo si trova un codice QR, che porta dritto al sito ufficiale di Pejac, con il link a una raccolta fondi per la ONG Sea Watch, la cui missione è il salvataggio di migliaia di migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo e spesso si ritrovano alla deriva, su imbarcazioni malsicure.

Landless Stranded di Pejac

Tanto l’artista quando la fondazione che gestisce gli eventi nella chiesa supportano pienamente i rifugiati. Un portavoce della chiesa, che gestisce anche programmi di aiuto per senzatetto a Kreuzberg, ha espresso piena soddisfazione per la collaborazione con l’artista, sostenendo che la connessione fra la statua e la croce rappresenta la sofferenza per tutti coloro che perdono la vita durante le traversate e la speranza di maggiore solidarietà e impegno da parte un Paese privilegiato come la Germania.

“Per anni, l’UE ha eroso ulteriormente i diritti umani e messo in pericolo la vita delle persone in fuga. Manca la volontà politica di creare un programma di salvataggio in mare che sia completo e civile. Dobbiamo proteggere le persone, non i confini. Questa installazione ci ricorda che le persone rischiano la vita nel Mediterraneo ogni giorno. Quello che sta succedendo lì è una catastrofe. Non dobbiamo abituarci a questo. Non dobbiamo stare zitti. Dobbiamo agire ora!” ha commentato un portavoce di Sea Watch.

L’installazione è è anche un’anticipazione della prossima mostra di Pejac, APNEA, che sarà ospitata in una ex fabbrica di treni a Berlino (Modersohnstraße 35-45, 30 ottobre – 7 novembre). Nel corso della mostra saranno estratte a sorte alcune stampe in edizione limitata nel corso di una “lotteria” i cui proventi saranno in parte devoluti a Sea Watch.

Il mondo di Pejac: temi sociali e ambientali affrontati in modo poetico

Pejac è un artista originario di Madrid che si distingue per la capacità di trattare temi sociali e ambientali molto delicati con interventi urbani dal grande potere comunicativo. Dai minuscoli disegni sui vetri delle finestre alle installazioni nate per essere collocate in siti specifici (come “Landless Stranded”) alle rielaborazioni di capolavori classici con reinvenzioni ingegnose, Pejac si inserisce nella tradizione, per le sue raffinate abilità di scultore e pittore, ma anche in una forma di avanguardia che vede l’arte come mezzo popolare, che deve comunicare nell’immediato e a un pubblico vasto, con un linguaggio universale eppure poetico.

 

“Landless Stranded” si trova a Kreuzberg, in Zossener Straße 65 e sarà visibile fino al 5 novembre. La torcia è accesa tutti i giorni da mezzogiorno alle 18.00.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest