La Strada delle Fiabe tedesca: le tappe di un itinerario magico!

0
125
La strada delle fiabe
Il Castello di Sababurg, legato alla fiaba della Bella Addormentata. Von Bytfisch - Eigenes Werk, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=43195842

La Märchenstrasse, cioè “La strada delle fiabe“, è un itinerario turistico che attraversa la Germania e unisce una serie di località legate sia alla biografia dei fratelli Grimm che ai personaggi del mondo fantastico da loro evocato in storie famosissime ancora oggi.

Creata nel 1975 e lunga più di 664 km, la strada delle fiabe parte da Hanau, in Assia, luogo di nascita di Wilhelm e Jacob Grimm, per arrivare infine a Brema, città del nord-ovest della Germania associata alla fiaba dei celebri “musicanti”.

La strada delle fiabe
Segnaletica relativa alla Strada delle Fiabe. Kartenlaser, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Abbiamo dunque più di 660 km di percorso, circa 70 tappe totali, e 35 città visitabili, più quelle attraversate dai ciascuno dei due itinerari alternativi che si biforcano all’altezza di Kassel, per poi riunirsi a Fürstenberg. Questa suggestiva strada panoramica attraversa inoltre otto parchi naturali e regioni paesaggisticamente stupende, che garantiscono un’esperienza visiva unica.

Quasi tutte le città incluse nell’itinerario offrono eventi o attrazioni (spettacoli di burattini, rappresentazioni teatrali, mostre sulle fiabe, concerti) che faranno sognare i più piccoli, ma che coinvolgeranno anche i più grandi, vista la suggestione e la potenza simbolica esercitata dalle fiabe su chiunque e in ogni tempo.

Veduta del fiume Schwalm. Questo tipo di paesaggio ha ispirato ai Grimm la descrizione del bosco di Cappuccetto Rosso. Oliver Deisenroth, CC BY-SA 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0>, via Wikimedia Commons

La strada delle fiabe: le tappe più note

Nella città di Alsfeld, è possibile visitare la casa di Cappuccetto Rosso (Rotkäppchenhaus), sita nella regione che si estende lungo il fiume Schwalm e che fornì ai Grimm l’ambientazione ideale per le avventure dell’imprudente bambina. Nel poco distante museo di Ziegenhain, è possibile inoltre osservare i costumi tradizionali che avrebbero potuto indossare Cappuccetto Rosso, sua madre e sua nonna.

La torre della Bella Addormentata, Castello di Sababurg. Nils E., Public domain, via Wikimedia Commons

Il Castello di Sababurg, sull’altopiano di Reinhardswald, ha 650 anni ed è chiamato il Castello della Bella Addormentata. Chiunque oggi può dormire qui, non per 100 anni come la protagonista della fiaba, ma sicuramente per qualche giorno. Il castello infatti, circondato da unparco di querce secolari, è attualmente la sede di un hotel. Nel cortile, d’estate, si inscenano rappresentazioni della fiaba.

Reinhardswald, foresta. Heinz Mathis, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

All’interno delle terme di Bad Wildungen è presente un Museo di Biancaneve (Schneewittchen Museum). Pare che in questa città circolassero molte storie su Margaretha von Waldeck, vissuta nel XVI secolo, cresciuta con il padre e una matrigna e morta per cause misteriose, forse avvelenata.

Pare che alcuni parenti dei Grimm amassero trascorrere alcuni periodo presso queste terme e potrebbero aver riportato ai fratelli la leggenda della sfortunata Margaretha, ispirando dunque la fiaba di “Biancaneve e i sette nani“, una delle più celebri.

La Collina Hoher Meissner, legata alla leggenda di Frau Holle. User: Celsius at wikivoyage shared, CC BY-SA 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0>, via Wikimedia Commons

Sulla Collina Hoher Meissner, situata nel parco naturale di Meißner-Kaufunger Wald, si dice abbia vissuto, secondo la leggenda, Frau Holle, cioè Signora Holle, misteriosa creatura magica capace di far nevicare e che ricompensò due ragazze, una buona e laboriosa e l’altra cattiva e pigra, rispettivamente con una pioggia d’oro e una di pece.

Nella città di Trendelburg si può visitare invece il castello medievale dalla cui torre Rapunzel, cioè Raperonzolo, altra creatura evocata dalla fantasia dei fratelli Grimm, lasciò cadere i suoi lunghi capelli in modo che il principe potesse arrampicarsi e salvarla.

Trendelburg, vista del paesaggio dall’alta “Torre di Raperonzolo”. Varus111, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

La città di Hameln (o Hamelin, com’è conosciuta in Italia), è il set della storia del celebre pifferaio, che liberò la città dai topi e poi portò via anche i bambini, perché non ripagato per il suo servizio. Ad Hameln è possibile visitare la “Casa dei ratti”, la casa e la fontana del pifferaio e gustare i biscotti a forma di roditore venduti da ogni pasticceria cittadina. Da maggio a settembre, ogni domenica, si rappresenta la fiaba presso il giardino civico.

Polle, Bassa Sassonia. Rappresentazione della scarpetta di Cenerentola. Tine, CC BY-SA 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0>, via Wikimedia Commons

Il bellissimo Castello di Polle (Burg Polle), un edificio rinascimentale affacciato sulla spettacolare valle del Weser, è invece il protagonista della fiaba di Cenerentola, mentre Oberweser, nell’incantata regione del Reinhardswald, ha ispirato ai fratelli Grimm non solo l’ambientazione per la fiaba di Biancaneve, di cui abbiamo già parlato, ma anche quella per “Il Gatto con gli stivali”.

I musicanti di Brema. Di L’utente che ha caricato in origine il file è stato Arpingstone di Wikipedia in inglese – Trasferito da en.wikipedia su Commons., Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1665338

A Brema, città in cui si conclude il tour, sorge il famoso monumento in bronzo che evoca la fiaba dei celebri musicanti: un asino, un cane, un gatto e un gallo, che riuscirono ad arruolarsi nella banda cittadina e a sconfiggere i briganti.

Nel 2015, a Kassel, è stato aperto il Grimmwelt (“Mondo dei Grimm”), parco divertimenti e museo dedicato ai fratelli Grimm e alle loro fiabe. A Kassel è inoltre presente l’originale del libro dei Grimm “Fiabe per bambini e famiglie“, pubblicato dai celebri fratelli nel 1812 e noto oggi semplicemente come “Le fiabe dei Grimm“.

La statua di Wilhelm e Jacob Grimm,ad Hanau.
Gemeinfrei, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=233986

Come arrivare all’inizio della strada delle fiabe

Il modo più semplice per iniziare questo itinerario è atterrare all’aeroporto internazionale di Francoforte e qui noleggiare un’auto per dirigersi al punto di partenza dell’itinerario, la città di Hanau. Da lì basta seguire le indicazioni.

A gestire l’itinerario turistico è l’associazione Deutsche Märchenstraße, con sede a Kassel. Questo è il sito ufficiale con tutte le informazioni.

 


Märchenbrunnen Volkspark Friedrichshain fontana

Leggi anche:
Märchenbrunnen: la fontana delle fiabe a Volkspark Friedrichshain

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here