Germania, falsi certificati di vaccinazione circolano ovunque. Anche su Amazon

0
71
falsi certificati di vaccinazione
Kevin.B, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

All’inizio c’erano pochi casi isolati, ora è diventato un commercio su vasta scala: i falsi certificati di vaccinazione in Germania sono ormai una triste realtà. Anche perché il certificato vaccinale tedesco è facile da contraffare.


Leggi anche:
Berlino, da lunedì 3 maggio si comincerà a vaccinare il terzo gruppo prioritario

 


Un numero crescente di casi: il caso di Goslar

A metà aprile, una dottoressa del circondario di Goslar ha scoperto per caso che un suo paziente aveva diversi certificati di vaccinazione in bianco, insieme ad altri moduli e fogli con numeri di lotto. L’uomo, come riportato dalla NDR, è sospettato di falsificazione di documenti ed è attualmente sotto inchiesta.

Berlino: la trappola degli agenti della polizia criminale

Giovedì, a Berlino, sono stati scoperti all’interno di un appartamento alcuni falsi certificati di vaccinazione e lo stesso giorno agenti in borghese della polizia criminale (LKA) hanno arrestato all’interno di una stazione della metropolitana, tre uomini, di 18, 30 e 39 anni.

L’arresto è scattato dopo che i tre avevano tentato di vendere agli agenti certificati di vaccinazione contraffatti, provvisti di apposito adesivo, timbri del medico e firme necessarie. I certificati sarebbero stati offerti in anticipo tramite un servizio di messaggeria. Le accuse sono di falsificazione di documenti e frode commerciale e le indagini sono condotte da un Commissariato specializzato della polizia criminale cittadina.

Veduta di Goslar. Di Наталия19 – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17970186

Falsi certificati di vaccinazione: offerti soprattutto su Telegram

Purtroppo, a differenza di vari documenti di identità o banconote, i certificati di vaccinazione tedeschi non hanno dispositivi anti-contraffazione e quindi sono assai ambiti dai falsari. Possono infatti essere ottenuti dal medico di famiglia, che registra le vaccinazioni apponendo firma e data sul documento, ma se questo viene smarrito, la persona è considerata non vaccinata e dunque la vaccinazione deve essere ripetuta.

Secondo la polizia criminale è in rete, ma soprattutto nel servizio di messaggeria Telegram, che vengono offerti certificati di vaccinazione con timbro, adesivo e firma. Il prezzo oscilla tra 99 e 250 euro.

Le autorità: “Non condividete in rete dati sanitari!”

Acquistare un certificato di vaccinazione falso è punibile per legge con una pena detentiva o una multa. Intanto le autorità esortano chi si è vaccinato a non pubblicare nessun dato sanitario o prova dell’avvenuta vaccinazione in rete, perché in questo modo si mettono in circolazione informazioni rilevanti che potrebbero essere prese di mira dai falsari.


vaccino anti-Covid

Leggi anche:
Vaccino anti-Covid: le domande più frequenti. Tutto quello che c’è da sapere

 


Il governo federale, inoltre, sta attualmente progettando un certificato di vaccinazione digitale, più difficile da falsificare, ma probabilmente ci vorrà ancora molto per arrivare a un risultato concreto. Non così in Austria, altro Paese in cui si è verificato il problema e che invece ha già reso disponibile il certificato di vaccinazione elettronico.

Falsi certificati di vaccinazione offerti tranquillamente su Amazon

La cosa ha dell’incredibile, ma i falsi certificati di vaccinazione sono disponibili persino su Amazon, dove un singolo certificato può essere ordinato per 5,90 euro, compresa la consegna Prime, mentre un pacchetto da 25 viene a costare circa 60 euro. Lo riporta, tra gli altri, anche il quotidiano tedesco Berliner Morgenpost.

Verso il certificato elettronico

Insomma, il problema della circolazione di questi certificati contraffatti è grave e diffuso, in Germania. I dati delle persone vaccinate sono attualmente trasmessi alle autorità sanitarie, ma è anche vero aeroporti, negozi, ristoranti e strutture ricreative non sono in grado di controllare l’autenticità dei documenti presentati.

In questo senso, la necessità di introdurre il certificato di vaccinazione digitale anche in Germania è assolutamente prioritaria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here