A Berlino ha aperto il primo bar virtuale, con musica dal vivo e drink a domicilio

0
203
bar virtuale

Il lockdown è stato un duro colpo per Berlino. Una città che ha fatto dell’aggregazione e della vita notturna i pilastri della sua identità non può che soffrire profondamente per la chiusura di bar, kneipe e locali notturni. Ed è pur vero che si può bere una birra a casa guardando una serie tv o, se si sceglie di non rispettare le regole, concedersi un picnic domenicale in un parco affollato, ma non è la stessa cosa. Per questo il proprietario di un bar di Kreuzberg ha scelto di aprire il primo vero bar virtuale, ricreando online l’esperienza di una tipica serata berlinese.


Leggi anche:
Il Silkys Späti: a Kreuzberg, la galleria d’arte che non ti aspetti

I drink, naturalmente, si possono ordinare a domicilio, ma con ogni preordine si ha diritto al proprio posto all’interno del bar, dove si potrà godere di musica dal vivo, chiacchierare con il barista e guardarlo preparare un cocktail, darsi appuntamento al tavolo per una chiacchierata con gli amici o socializzare con gli altri avventori. Il tutto, ovviamente, avviene in un ambiente virtuale, al quale si può accedere con il proprio computer, utilizzando webcam e microfono per interagire con gli altri utenti, spostandosi con il proprio avatar virtuale all’interno delle diverse stanze, come in un videogioco. I clienti del bar virtuale non sono solo Berlinesi: c’è anche chi si unisce da altre parti del mondo, ovviamente senza ordinare da bere, solo per la curiosità di provare questa strana, nuova esperienza virtuale.

I cocktail vengono consegnati in bottigliette da 200 ml e costano un po’ di più di quanto ci si aspetterebbe in un bar di Kreuzberg, ma ciò che il cliente realmente acquista è l’esperienza della socialità, oltre al piacere di prendere parte a un’iniziativa indubbiamente originale.


Leggi anche:
Germania in lockdown fino al 7 marzo, parrucchieri aperti dal primo

 


L’idea del proprietario Dominik Galander era quella di offrire ai propri clienti un’esperienza che ricordasse l’atmosfera di una serata al bar, ma anche di permettere ai propri dipendenti di continuare a lavorare. Il barista di questo bar virtuale, infatti, è forse l’unico in tutta Berlino a passare ancora i suoi fine settimana a miscelare cocktail dietro al bancone.