UEFA 2024: Berlino si prepara ad accogliere 2,5 milioni di tifosi

UEFA 2024
Foto: Tobi 87, CC BY 3.0 , via Wikimedia Commons

La Germania si sta preparando con grande entusiasmo per ospitare il campionato europeo di calcio UEFA 2024 e Berlino in particolare sta approntando un fitto calendario di eventi e una vastissima offerta di servizi, per accogliere i tifosi di tutto il mondo. I tedeschi stessi, d’altra parte, hanno con il calcio un rapporto che somiglia molto a quello degli italiani: la passione per questo sport è diffusissima, le tifoserie appassionate e l’interesse talmente vivo che, anche in assenza della nazionale, le partite generano sempre enorme interesse. A Berlino, inoltre, le comunità internazionali sono numerosissime e vaste e c’è da aspettarsi che per ogni incontro vengano organizzati eventi dedicati alle comunità di expat delle rispettive nazionali.

Si stima che circa 2,5 milioni di tifosi, provenienti da ben 120 Paesi diversi, affolleranno la città fra giugno e luglio. Di questi, 1,9 milioni saranno visitatori stranieri, che non solo verranno a sostenere le proprie squadre nazionali, ma avranno anche l’opportunità di scoprire e godere delle molteplici attrazioni che Berlino ha da offrire. Naturalmente, gli esercenti locali attendono con ansia questa “invasione” di turisti, sulla quale si ripongono grandissime alternative, dopo un anno economicamente difficile per molti.


Leggi anche:
Euro 2024: aperta la vendita dei biglietti sul sito della UEFA

La nazionale tedesca, che è stata inserita nel gruppo A, giocherà la partita inaugurale del torneo contro la Scozia a Monaco, il 14 giugno. La prima partita a Berlino, invece, vedrà scontrarsi Spagna e Croazia e si terrà il giorno dopo. Sempre presso lo stadio olimpico della capitale si terrà la finalissima, prevista per il 14 luglio.

Berlino si prepara ad accogliere UEFA 2024

Per l’occasione, alcuni dei luoghi più iconici di Berlino verranno trasformati per celebrare il calcio in tutte le sue forme. La Porta di Brandeburgo, uno dei simboli più riconoscibili della città, diventerà la “porta di calcio più grande del mondo”, mentre la Straße des 17. Juni si trasformerà in un percorso esclusivo per i tifosi, un gigantesco campo di calcio dove i supporter potranno festeggiare insieme e dove le diverse comunità nazionali potranno celebrare le rispettive squadre.

Perfino il Reichstag, sede del parlamento tedesco e altro monumento emblematico di Berlino, avrà una sua “Fan zone” dedicata, nel piazzale antistante l’edificio, dove si alterneranno DJ set, eventi culturali e maxischermi per seguire le partite in diretta. Questo spazio ambisce a diventare un punto di incontro per i fan di tutte le nazionalità.

A rappresentare la capitale come “ambasciatore” del calcio locale, per accogliere metaforicamente gli “ospiti” internazionali, è stato scelto il noto centrocampista Kevin-Prince Boateng, la cui carriera è iniziata nella squadra berlinese Hertha BSC, per poi portarlo a farsi un nome a livello internazionale, giocando nel Milan e nel Barcellona, poi per il Ghana, per tornare infine all’antico amore, l’Hertha, prima di concludere la sua carriera in campo.

Sul sito della UEFA si leggono già diversi consigli per i tifosi stranieri, che fanno sorridere i berlinesi ma che, evidentemente, hanno lo scopo di rendere più ordinata e vivibile la città durante il campionato. Si va dai consigli di base sulla cultura della sostenibilità in Germania (per esempio il fatto che, riportando bottiglie e lattine presso i supermercati, sia possibile ottenere dei buoni acquisti) alle indicazioni sulle mance, dal consiglio di portare con sé una bottiglia riutilizzabile e bere serenamente l’acqua del rubinetto alle informazioni sulle chiusure domenicali dei negozi.

Ecco una panoramica di tutte le partite di UEFA 2024 allo Stadio Olimpico di Berlino:
15 giugno 2024: Spagna – Croazia.
21 giugno 2024: squadra vincitrice dei play-off A – Austria.
25 giugno 2024: Paesi Bassi – Austria.
29 giugno 2024: Andata degli ottavi di finale.
06 luglio 2024: Quarti di finale.
14 luglio 2024: Finale

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!