Consigliera dei Verdi, ubriaca alla guida, fa il saluto nazista alla polizia. Dimessa

estremismo polizia brandeburgo
Henning Schlottmann (User:H-stt), CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Una fine ingloriosa quella della carriera politica della consigliera distrettuale dei Verdi per la circoscrizione berlinese di Charlottenburg-Wilmersdorf, Jutta Boden, costretta a presentare le sue dimissioni a seguito di un episodio increscioso avvenuto nel Brandeburgo. Boden, infatti, è stata fermata dalle forze dell’ordine per un controllo di routine mentre era alla guida della sua auto. Dal controllo del tasso alcolemico, è emerso che la donna si trovava in stato di ebbrezza e aveva superato ampiamente il limite di alcol  consentito dalla legge tedesca. Costretta ad abbandonare il proprio veicolo e a salire su quello della polizia, l’ex consigliera distrettuale avrebbe quindi fatto il saluto nazista.

La consigliera ammette il gesto e si scusa: “reazione inappropriata”

Inizialmente, l’incidente è stato riportato dal tabloid Bild e la diretta interessata ha negato. In seguito, ha ammesso di aver fatto il saluto, con tono polemico per il trattamento ricevuto da parte degli agenti, ma ha negato di averlo accompagnato con le parole “Heil Hitler”, come invece aveva sostenuto il tabloid.


saluto hitleriano

Leggi anche:
Saluto hitleriano ad Auschwitz: bufera su due ragazzi tedeschi in viaggio di istruzione

Dopo neanche 24 ore dall’incidente, Jutta Boden ha però deciso di fare un passo indietro, rassegnando le dimissioni dal suo incarico con effetto immediato, dichiarandosi profondamente pentita per la propria condotta “inappropriata”, che certamente non ha giovato all’immagine del partito. Boden si è inoltre scusata pubblicamente per il comportamento offensivo e inaccettabile.

Prima di questo sfortunato episodio, la carriera politica di Boden era stata caratterizzata da un profondo impegno nelle commissioni per l’educazione e la cultura, la partecipazione e l’integrazione, e la salute all’interno del consiglio distrettuale. Una dedizione che aveva permesso alla politica di farsi strada all’interno del partito dei Verdi, guadagnandosi il rispetto dei colleghi e la fiducia degli elettori.

La sua carriera politica era iniziata nel 2012, quando fu eletta per la prima volta. Dopo un breve intervallo, era stata rieletta nel 2019 con un ampio consenso.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!