Berlino: la zuffa a scuola degenera. 49 fra feriti e intossicati

Tutto è iniziato come una zuffa fra adolescenti, che ha visto coinvolti cinque studenti della scuola Campus Efeuweg di Gropiusstadt, nel distretto berlinese di Neukölln. I ragazzi, che hanno fra i 14 e i 15 anni, hanno iniziato a litigare e a picchiarsi intorno alle 10.30 di lunedì mattina e uno di loro ha tirato fuori lo spray al peperoncino, dando inizio a un’escalation che è arrivata a richiedere l’intervento dei servizi di emergenza, per assistere ben 49 persone. Sembra che i ragazzi che hanno dato inizio allo scontro si stessero contendendo un pallone da calcio.

Dalla zuffa “semplice” allo spray al peperoncino

Il primo utilizzatore dello spray, infatti, dopo aver spruzzato la sostanza urticante in faccia ai suoi avversari, è finito accidentalmente dentro la nube da lui stesso creata e quindi ha lasciato cadere la bomboletta, che è stata prontamente raccolta da un altro dei contendenti e nebulizzata nuovamente, peggiorando la situazione. A quel punto due insegnanti, di 30 e 38 anni, hanno cercato in intervenire per dividere gli studenti, ma sono state a loro volta vittime di nuovi attacchi a base di spray al peperoncino. Dopo di loro, la direttrice dell’istituto, una donna di 52 anni, ha cercato a sua volta di sedare la rissa separando i contendenti, ma, nel tafferuglio, è stata colpita e si è rotta una mano.


Leggi anche:
Berlino: il lancio di palle di neve degenera in rissa. Un ferito grave

 

Il fratello di uno studente ha aggredito gli agenti di polizia

Nel frattempo era stata allertata la polizia, che era appena riuscita a calmare la situazione quando si è presentato sul posto il fratello ventunenne di uno dei partecipanti alla rissa, il quale ha colpito con un pugno in faccia uno degli agenti ed è stato poi immobilizzato a terra dagli altri poliziotti presenti. Il giovane ha anche insultato gli agenti e ha cercato di aggredirne un secondo ed è stato temporaneamente detenuto per essere identificato. Ora è stata aperta a suo carico un’indagine per aggressione, minacce e ingiurie a pubblici ufficiali.

Nel frattempo, 49 persone erano state danneggiate dalla grande quantità di spray al peperoncino nebulizzato sul luogo della rissa e hanno avuto bisogno di cure e assistenza da parte dei servizi di emergenza. Fra loro c’erano anche bambini, adolescenti e altri insegnanti. La preside è stata l’unica ad aver bisogno di essere condotta in ospedale. Al momento, la polizia ha avviato diverse indagini per aggressione.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!