Magicum: il “museo” della magia di Berlino

Magicum

Fra le esperienze da condividere con tutta la famiglia, a Berlino, c’è sicuramente il Magicum, ovvero il museo interattivo della magia e del misticismo. In parte intrattenimento spettacolare, in parte excursus storico sulle tradizioni mistiche e il pensiero magico di tutto il mondo, questo museo offre un’esperienza divertente e poetica, con la possibilità di approfondire i risvolti storici di ciò che si vede, ma anche di vivere l’idea della magia come gioco e intrattenimento.

Il Magicum si trova nel pieno centro della città, vicino a Hackescher Markt e all’Isola dei Musei, precisamente all’interno dell’Hamburger Hof – un edificio storico splendidamente restaurato. Per raggiungere l’esposizione e gli spettacoli disponibili, ovviamente, bisognerà scendere nei sotterranei, che offrono il contesto perfetto per un’esperienza altamente suggestiva, fra cartomanti e pozioni magiche, ma anche artefatti provenienti da diversi Paesi, che ne illustrano il folklore e le tradizioni. Si tratta di uno spazio relativamente piccolo, che può essere visitato in poco tempo: l’intera esperienza interattiva dura circa un’ora ed è perfetta per le famiglie con bambini e adolescenti.

Magicum canva pro

Il Magicum per tutta la famiglia

Il punto forte di questo luogo consiste nel sapiente equilibrio fra informazione e divertimento, che permette di giocare con l’idea del misticismo senza prendersi troppo sul serio. L’esibizione mira a raccontare le origini del pensiero magico e delle antiche “scienze”, come l’alchimia, facendo sperimentare agli spettatori il potere dell’intuizione e dell’illusione.


Leggi anche:
L’Illuseum: il museo di Berlino dove non tutto è come sembra!

Più che un museo nel senso classico del termine, insomma, questo è un luogo destinato a stimolare la fantasia di grandi e piccoli con giochi e illusioni collocati in un’atmosfera esoterica che non perde mai d’occhio l’intrattenimento. Le esperienze interattive includono trucchi e illusioni da provare di persona, pensati soprattutto per risvegliare l’attenzione del pubblico più giovane.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!