Calciatore quindicenne muore in Germania: picchiato dopo la partita

saluto hitleriano calciatore quindicenne

Un calciatore quindicenne è morto, in Germania, perché picchiato a margine di una partita di calcio, tenutasi a Francoforte la domenica di Pentecoste, il 28 maggio.

In base ai primi risultati dell’autopsia, il giovane sarebbe morto a causa di un trauma da corpo contundente al lato sinistro della testa, come dichiarato martedì dalla portavoce dell’ufficio del pubblico ministero di Francoforte, Nadja Niesen.

Picchiato dopo la partita, muore calciatore quindicenne: tragedia nel calcio giovanile

La dinamica letale si è verificata dopo il fischio finale di una semifinale internazionale delle giovanili, nel quartiere Eckenheim di Francoforte, nell’ambito della quale si erano affrontate una squadra berlinese, il JFC Berlin, e una francese, il FC Metz. La partita era stata vinta dalla squadra di Berlino. Poco dopo, in base a quanto riportato da Rbb24, emittente radiotelevisiva pubblica dei Länder Berlino e Brandeburgo, si è verificata una lite tra giocatori delle due squadre. La vittima è arrivata in ospedale in condizioni già critiche ed è morta mercoledì scorso, a tre giorni di distanza, a causa delle gravi lesioni cerebrali riportate. Il presunto responsabile dell’aggressione subita dal quindicenne di Berlino sarebbe un giocatore sedicenne del club francese.

Secondo quanto dichiarato dall’ufficio del pubblico ministero, il sedicenne è indagato per lesioni personali con esito mortale ed è al momento in stato di custodia in Germania. Il giovane sostiene di non aver agito intenzionalmente e al momento dell’annuncio del mandato di arresto avrebbe dichiarato di non ricordare di aver colpito qualcuno. Si sarebbe parlato, a questo proposito, di una “grande confusione”.


antisemitismo

Leggi anche:
Dirigente calcistico tedesco sospeso per due anni per accuse di antisemitismo

Nel frattempo, sono in corso indagini da parte della polizia di Francoforte per ricostruire e chiarire lo svolgimento dettagliato degli eventi. “Ci sono già stati inviati diversi video e foto” ha dichiarato martedì un portavoce della polizia. Secondo quanto riportato dall’Hessenschau, tuttavia, eventuali testimoni sono ancora chiamati a farsi avanti o inviare nuovo materiale alla polizia. “Prendiamo tutto quello che riusciamo a prendere” ha dichiarato il portavoce delle forze dell’ordine.

“Siamo rimasti sconvolti dalla notizia di quanto accaduto durante il torneo giovanile a Francoforte sul Meno. In queste ore difficili, i nostri pensieri e la nostra solidarietà vanno a tutti i parenti e ai membri della squadra del giocatore colpito. Siamo in stretto contatto con il JFC Berlin da domenica per sostenere il club e i suoi membri, ove possibile” ha dichiarato Bernd Schultz, Presidente dell’Associazione Calcio di Berlino.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest