Ebay, Vinted, Etsy & Co: ora le vendite private sono tassabili in Germania

vendite

Se siete fra coloro che arrotondano lo stipendio mensile vendendo oggetti o abiti usati su piattaforme come Ebay Kleinanzeigen, Etsy, Amazon o Vinted, la nuova legge sulla trasparenza fiscale delle piattaforme (PstTG, ovvero Plattformen-Steuertransparenzgesetz) vi riguarda. Da quest’anno, infatti, anche le vendite di beni e servizi fra privati, che avvengono tramite queste piattaforme, entrano a far parte del reddito imponibile e devono quindi essere dichiarate.

Le piattaforme dovranno condividere con il fisco i dati sulle vendite

La legge è stata approvata al Bundestag il 10 novembre 2022 con il supporto di tutti i partiti tranne AfD e CDU/CSU e attua una direttiva Europea che stabilisce la tassabilità delle vendite private. Le piattaforme stesse dovranno ora segnalare le transazioni di servizi e vendite all’Ufficio Federale delle Imposte ed è previsto uno scambio automatico di informazioni fra gli Stati Membri dell’Unione Europea per tenere traccia anche delle transazioni internazionali. Le piattaforme sono tenute a condividere con il fisco i dati del venditore, come nome, indirizzo, coordinate bancarie e codice fiscale, ma anche i proventi lordi delle vendite e i costi che incidono sull’utile netto, come le tasse e le commissioni. La legge si applica anche ai servizi di affitto temporaneo di locali, come AirBnB, e a quelli che prevedono l’offerta di servizi, come avviene per le guide turistiche.


Leggi anche:
Riforma del Wohngeld: cosa cambia per gli affitti a Berlino nel 2023

 


Soglia di imponibilità a partire da 2000 Euro

Perché scatti la soglia di imponibilità, però, le transazioni devono avere un valore complessivo annuo di oltre 2.000 Euro o essere più di 30. Per chi si limita quindi a disfarsi occasionalmente di qualche abito usato su Vinted o per chi vende un vecchio mobile su Ebay, quindi, non cambia nulla. Chi, invece, conta sulla vendita tramite le piattaforme per generare con regolarità una parte dei propri introiti annuali dovrà tenerne conto al momento di fare la dichiarazione dei redditi.

Gli utenti che utilizzano spesso i portali di vendita online dovrebbero quindi tenere un registro delle vendite e documentare ogni transazione, per sapere se e quando si supera la soglia che fa scattare l’obbligo di dichiarazione.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest