Il Kazakistan invierà petrolio alla Germania attraverso l’oleodotto russo Druzhba. Mosca acconsente

kazakistan

Il tema della dipendenza tedesca dal gas e dal petrolio russi continuerà a essere uno dei più spinosi del dibattito politico in Germania anche nel 2023. Proprio da questa dipendenza, infatti, è derivata la crisi energetica che ha fatto esplodere i prezzi dopo l’inizio della guerra. In questi mesi, il governo tedesco sta cercando di concludere contratti di fornitura con una pluralità di partner internazionali, per garantirsi scorte di energia che non dipendano dalle sorti di un singolo Paese. L’ultimo accordo in ordine di tempo è quello col Kazakistan, che invierà petrolio alla Germania, ma lo farà attraverso un oleodotto russo: il Druzhba, noto anche come “l’oleodotto dell’amicizia”.

La raffineria PCK di Schwedt, nel Brandeburgo.
Uckermaerker, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Il Druzhba (traslitterazione della parola russa “Дружба”, ovvero “amicizia”) è il più lungo oleodotto del mondo e fu costruito negli anni ’60 per permettere alla di Russia rifornire le repubbliche sovietiche. Il suo ramo settentrionale arriva alla raffineria PCK di Schwedt, nel Brandeburgo, che fino a pochi mesi fa era servita dal fornitore russo Rosneft.


Leggi anche:
Gerhard Schröder lascia il consiglio di sorveglianza della società russa Rosneft

Il petrolio dal Kazakistan arriverà già a gennaio

La particolarità di questo accordo fra Germania e Kazakistan sta nel fatto che, per renderne possibile la messa in pratica, la Russia ha dovuto acconsentire all’utilizzo del Druzhba per il transito del petrolio kazako fino in Germania. Il ministro dell’Energia russo Alexander Novak ha dichiarato che il governo di Mosca è pronto ad accogliere la richiesta e che la situazione verrà gestita normalmente.


Leggi anche:
Germania, gas dal Qatar, accordo concluso. Il ministro Habeck: “Super”

Le prime consegne da parte dell’azienda statale kazaka di petrolio e gas Kazmunaygas partiranno già da gennaio. Per il prossimo anno, il Kazakistan prevede di inviare in Germania 1,2 milioni di tonnellate di petrolio.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!