Natale Biedermeier alla Knoblauchhaus e negli altri musei civici berlinesi

Contenuto promosso dalla Stiftung Stadtmuseum. Il Museo Knoblauchhaus © Stadtmuseum Berlin

Lo stile Biedermeier ha segnato il periodo di transizione fra neoclassicismo e romanticismo, soprattutto in Germania, Austria, nord Italia e nei Paesi scandinavi, influenzando l’arte, la vita, il gusto quotidiano per l’arredamento e perfino le abitudini. Anche se non vi è familiare il termine, vi basterà dare uno sguardo a un interno di stile Biedermeier per cogliere immediatamente l’atmosfera che lo caratterizza e per subirne il fascino. Il termine, inizialmente, era considerato quasi offensivo, perché si riferiva al personaggio comico di “Papà Biedermeier”, buffa rappresentazione dell’agio borghese, nel periodo di crisi economica che seguì le guerre napoleoniche, nella prima metà dell’800.

Con l’andare degli anni, però, quell’intero universo è diventato sinonimo di un fascino che gli appassionati cercano, esplorano e addirittura provano a ricreare.

Se fate parte della folta schiera degli appassionati di questo stile, se vi piace aggirarvi per gli spazi e contemplare quegli interni dal gusto inconfondibile, alla ricerca di un angolo con lo scrittorio in cui si scrivevano lunghe lettere con penna e calamaio o di un salotto con un pianoforte nel quale si consumavano innumerevoli soirée con musica da camera, c’è una perla a Berlino che non potete assolutamente perdervi: la Knoblauchhaus.

Biedermeier Knoblauchhaus
La stanza della biblioteca © Stadtmuseum Berlin, Foto Michael Setzpfandt

Questa casa museo del XVIII secolo è uno dei pochissimi edifici originali dell’epoca rimasti nel quartiere di Mitte ed è oggi visitabile gratuitamente (le donazioni sono bene accette). Qui viveva la famiglia Knoblauch, esempio perfetto della borghesia commerciale tedesca di quel tempo, che in questa splendida dimora accoglievano anche amici e conoscenti illustri, come l’architetto Karl Friedrich Schinkel e gli studiosi Wilhelm e Alexander von Humboldt.

La Knoblauchhaus è stata aperta al pubblico nel 1989 e oggi offre al visitatore un percorso affascinante attraverso gli ambienti che raccontano la quotidianità borghese di quasi due secoli fa, fra il salotto e la biblioteca, con arredi originali o restaurati nel tipico stile Biedermeier.

Biedermaier Salotto di Raffaello
Il salotto di Raffaello © Stadtmuseum Berlin, Foto Michael Setzpfandt

Anche se non siete a Berlino, potrete visitare questo gioiellino tedesco attraverso un percorso in 3D interamente disponibile online, così come l’audioguida completa (in tedesco e in inglese).

Durante il periodo dell’avvento, la Knoblauchhaus, insieme ad altri due musei della Fondazione Stadtmuseum di Berlino, offre un programma di eventi suggestivi che coniugano arte, musica, cultura e suggestioni storiche.

Un Natale Biedermeier

Biedermeier
Una vigilia di Natale in perfetto stile Biedermeier nell’anno 1790 © Stadtmuseum Berlin

Proprio come sarebbe avvenuto duecento anni fa, la Knoblauchhaus sarà addobbata per le feste natalizie dal 27 di novembre fino al 30 di dicembre. Questo stile si adatta alla perfezione alla celebrazione della magia del Natale, proprio per la sua caratteristica atmosfera accogliente e per i richiami tradizionali. Questo è sicuramente uno dei periodi dell’anno in cui è più emozionante, per gli appassionati di questo stile, per visitare la dimora della famiglia Knoblauch.

A questo si aggiunga il fatto che la Knoblauchhaus si trova nel Nikolaiviertel, che di per sé è un quartiere che, nel periodo dell’Avvento e di Natale, acquisisce un fascino a una magia particolari anche grazie ad uno dei mercatini di Natale più piccoli ma più “gemütlich” della capitale e permette di attraversare un angolo di una Berlino ormai persa nel tempo. In particolare, domenica 4 dicembre alla Knoblauchhaus saranno disponibili quattro tour che raccontano le tradizioni natalizie dell’epoca Biedermeier. All’epoca, il Natale era soprattutto una grande festa di famiglia, pensata soprattutto per la gioia dei più piccoli. Le decorazioni più utilizzate, oltre a scintillare aggiungendo un tocco di magia all’atmosfera della casa, erano fatte soprattutto con noci e dolciumi. Il fulcro era sempre l’albero delle luci decorato non con le luci alle quali oggi siamo abituati, ma con le candele. Qui trovate ulteriori informazioni sui tour.

Il Vaso d’Oro – una fiaba romantica per grandi e piccini

Biedermeier Ulrike Richter col suo teatrino di carta © Stadtmuseum Berlin
Ulrike Richter col suo teatrino di carta © Stadtmuseum Berlin

L’11 dicembre, terza domenica d’Avvento, presso la Knoblauchhaus nella sua veste natalizia, sarà rappresentata una fiaba per adulti e bambini a partire dai 10 anni, accompagnata da canzoni, da una rappresentazione del teatro di carta e dal magico suono dell’arpa. Si tratta de “Il vaso d’oro”, un’opera del poeta E. T. A. Hoffmann risalente al 1814, quindi in pieno Romanticismo tedesco, che affronta il conflitto fra l’anelito della poesia e la ristrettezza di vedute di una certa borghesia. Grazie all’amore per la bella Serpentina verde, lo studente Anselmus viene trascinato nel mondo fiabesco del principe Lindhorst e dovrà decidere fra la realtà e la fantasia. Quest’anno ricorre il duecentesimo anniversario della morte di Hoffmann, che era fra i tanti amici della famiglia Knoblauch e che probabilmente ha visitato questa dimora berlinese.

La rappresentazione è a cura di Ulrike Richter (lettura, interpretazione, canto e arpa) e Paula Richter (scenografia).

Ingresso: 5 Euro

Orario d’inizio 16:00

I biglietti sono disponibili qui.

Concerti dell’Avvento alla Nikolaikirche

Biedermeier concerti
Sinistra: Il coro HXOS nella Nikolaikirche. Destra: La Nikolaikirche © Stadtmuseum Berlin, Foto Oliver Ziebe

Per gli amanti della musica, la Nikolaikirche offre due splendidi concerti, rispettivamente il 4 e il 18 dicembre, ovvero la seconda e la quarta domenica di Avvento.


Leggi anche:
La Nikolaikirche – museo, monumento e simbolo della storia di Berlino

Quello del 4 dicembre, dal titolo “Sterne in des Himmels Ferne” (“Stelle in lontananza nel cielo”) vedrà il coro HXOS di Berlino esibirsi in una serie di classici natalizi e anche brani meno conosciuti di vari compositori.

Il coro HXOS (pronuncia “Ichos”) prende il nome dalla parola greca che vuol dire “suono”. Il coro, composto da un massimo di trenta cantanti non professionisti, esegue un repertorio che spazia dalla musica antica alla contemporanea ed esplora brani di compositori provenienti da tutto il mondo.

Ingresso: 5 Euro (gratis fino a 18 anni)

Inizio 16:00

I biglietti sono disponibili qui 

Il concerto del 18 dicembre, invece, dal suggestivo titolo “Es ist dafür gesorgt, dass die Bäume in den Himmel wachsen” (“Gli alberi sono fatti per crescere fino al cielo”) sarà invece interamente strumentale, a cura dell’Ensemble 1800 Berlin. Il programma prevede un percorso musicale che parte dal barocco per arrivare al romanticismo. Il concerto si concentrerà sulla musica da camera di Bach negli arrangiamenti che ne fece il compositore Felix Mendelssohn-Bartholdy. L’Ensemble esegue il repertorio di Bach su strumenti d’epoca barocca, ma gli arrangiamenti romantici su strumenti che erano invece utilizzati al tempo di  Mendelssohn-Bartholdy. Saranno eseguite alcune sonate solistiche di J. S. Bach in arrangiamenti di Felix Mendelssohn-Bartholdy e Robert Schumann, la suite in si minore BWV 1067, preludi e fughe di J. S. Bach e Felix Mendelssohn-Bartholdy.

Ingresso: Intero – 15 Euro Ridotto – 10 Euro

Inizio ore 11:00

I biglietti sono disponibili qui 

Ingresso gratuito al Märkisches Museum 

Il Märkisches Museum © Stadtmuseum Berlin, Foto Fiona Hirschmann

A partire dal primo gennaio 2023, il Märkisches Museum – anch’esso parte della medesima fondazione – chiuderà per un restauro destinato a durare per ben 5 anni. Per questo motivo, per salutare i visitatori in grande stile, il museo sarà visitabile gratuitamente per tutto il mese di dicembre: è l’ultima occasione per esplorare la sua splendida collezione, che racconta la storia di Berlino attraverso una pluralità di affascinanti prospettive, con reperti storici e artistici provenienti da epoche diverse!

Inoltre, tutte le domeniche di Avvento, a partire dalle 15:00, un complesso di ottoni suonerà musiche natalizie dalla cima della torre del museo: fermatevi ad ascoltarle dal cortile interno o dal parco adiacente al museo stesso, magari sorseggiando un vin brulè o un caffè bollente! Tutte le informazioni sono disponibili qui 

Tutto il programma dello Stadtmuseum Berlin per l´Avvento lo trovate qui.

Gli ottoni per le musiche natalizie © Stadtmuseum Berlin, Foto Reinhard Henkys

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here