L’allarme di Franziska Giffey: Berlino non può accogliere i rifugiati senza aiuto dal governo federale

pacchetto di aiuti
Franziska Giffey, Berlin, 02 June 2022. EPA-EFE/FILIP SINGER

La sindaca di Berlino Franziska Giffey (SPD) ha chiesto al governo federale di fornire alla capitale un supporto più consistente nella gestione dell’accoglienza per i rifugiati ucraini. Accogliere i rifugiati, in Germania, è un compito che spetta ai singoli Länder, ma molti governi locali – fra i quali quello del Land di Berlino – lamentano una crescente difficoltà a far fronte alle necessità degli ultimi arrivati, nonché il rischio di non poter più ottemperare ai propri doveri con le risorse a disposizione.

La sola città di Berlino ha accolto, come punto di primo arrivo, circa 340.000 civili ucraini in fuga dalle zone di guerra, 100.000 dei quali vivono ancora nella capitale.


Leggi anche:
Ostilità contro i rifugiati ucraini in Sassonia: due episodi a Lipsia e Dresda

Per accogliere i rifugiati ucraini, Berlino chiede immobili e finanziamenti

Berlino, sostiene Giffey, è quasi al limite delle proprie capacità, non solo perché è il primo punto di approdo di moltissimi rifugiati, che si dirigono automaticamente verso la capitale, ma anche perché le città-stato, a differenza degli altri Länder, fanno ovviamente i conti con disponibilità diverse in termini geografici, logistici e finanziari. La sindaca ha lanciato l’allarme nelle ultime dichiarazioni rilasciate al Bild am Sonntag.

Nello specifico, Giffey ha chiesto al governo di fornire più immobili per accogliere i rifugiati e un sostegno finanziario, oltre a “un’equa distribuzione [dei rifugiati] sul territorio federale.

Anche il ministro presidente della Sassonia Michael Kretschmer (CDU) si è associato alle richieste della sindaca, sostenendo che i comuni non sono più in grado di garantire l’accoglienza senza un aiuto federale.

La situazione dei rifugiati, inoltre, potrebbe aggravarsi qualora, come paventato dal primo ministro ucraino Denys Shmyhal, il conflitto portasse alla distruzione di infrastrutture necessarie alla sopravvivenza, come il sistema idrico ed elettrico.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest