Traffico di stupefacenti fra Germania e Olanda scoperto grazie a Encrochat. Tre arresti a Berlino

mascherine obbligatorie macchina della polizia
Dickelbers, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Nella giornata di mercoledì, la polizia di Berlino ha effettuato numerose perquisizioni e diversi arresti, nell’ambito di una vasta operazione antidroga. L’obiettivo della retata sarebbe un clan impegnato nella gestione di un traffico di stupefacenti fra la Germania e i Paesi Bassi.

Fondamentali i dati di Encrochat: così i clan criminali comunicano in tutta Europa

La chiave dell’intera operazione sarebbe stata l’acquisizione, da parte delle forze dell’ordine, dei dati di Encrochat – un fornitore di servizi di telecomunicazioni a livello europeo, la cui peculiarità è quella di offrire telefoni cellulari criptati, particolarmente popolari fra gli appartenenti ai clan criminali. Nella primavera del 2020, all’interno di un’operazione gestita dall’Europol, la polizia francese è riuscita a infiltrarsi nella rete e a installare software di monitoraggio su alcuni dei dispositivi, intercettando così milioni di messaggi che sono poi stati condivisi con le forze di polizia di altri Paesi europei.

La polizia tedesca sta attualmente esaminando centinaia di migliaia di chat e ha avviato indagini su migliaia di utenti in Germania. Solo a Berlino, sono attualmente circa 750 le indagini che utilizzano dati ricavati da Encrochat e circa 1,6 milioni i messaggi presi in esame. La Procura di Berlino ha addirittura dovuto istituire un dipartimento speciale per gestire l’enorme massa di dati acquisiti e che hanno portato alla formulazione di capi d’accusa in circa 40 casi.


Leggi anche:
Maxi raid contro un’organizzazione criminale: i proventi del traffico di droga trasferiti all’estero

Traffico di stupefacenti con i Paesi Bassi: sequestrati contanti, droga e armi

Proprio questa lunga catena di indagini ha portato, mercoledì mattina, alla perquisizione di 15 diversi immobili a Berlino. Gli agenti si sono presentati, in forze e accompagnati dalle unità cinofile, presso appartamenti, attività commerciali come chioschi e caffè a Britz, Kreuzberg, Friedrichshain, Neukölln, Schöneberg e Gropiusstadt e hanno sequestrato, fra le altre cose, 27 chili di eroina, due auto di lusso fra cui una Porsche, oltre un chilo di cocaina, 13 chili di marijuana, sei di hashish, tre armi da fuoco e contanti per oltre un milione di Euro. Per le attività commerciali perquisite è stata in seguito ordinata la chiusura.

Tre uomini sono stati arrestati: un cinquantenne sul quale pendeva già un mandato di cattura, un quarantaduenne ricercato per altri reati non connessi a questa operazione e un trentottenne, che è stato posto in stato di fermo provvisorio e contro cui è stato avviato un procedimento penale. Secondo la polizia di Berlino, tutti e tre gli uomini sarebbero coinvolti nel traffico di stupefacenti con l’Olanda.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest