Servizio sociale obbligatorio per i giovani. La sindaca di Berlino: “Proposta degna di considerazione”

servizio sociale obbligatorio
Franziska Giffey, Berlin, 02 June 2022. EPA-EFE/FILIP SINGER

La sindaca di Berlino Franziska Giffey ha rilanciato quanto dichiarato dal presidente federale Frank-Walter Steinmeier a proposito di un possibile servizio sociale obbligatorio.

Giffey ritiene che, per i giovani, questa possa essere una grande opportunità non solo di apportare benefici alla società, ma anche di crescere e ampliare i propri orizzonti, anche professionalmente.


Leggi anche:
Berlino: lancio di uova contro Franziska Giffey alla manifestazione del Primo Maggio

Servizio sociale obbligatorio: per Franziska Giffey possibilità interessante

Ha iniziato il presidente federale, Frank-Walter Steinmeier, che nel fine settimana ha dichiarato a Bild am Sonntag che forse sarebbe un bene se uomini e donne “si mettessero al servizio della società per un certo periodo di tempo”.

Gli ha fatto eco all’inizio della settimana la sindaca di Berlino, Franziska Giffey. In una dichiarazione al Tagesspiegel, Giffey ha infatti definito la proposta del Presidente federale come “degna di essere presa in considerazione, soprattutto in tempi di crisi”. Ha quindi aggiunto che il volontariato, che lei stessa ha sempre sostenuto, in questa fase particolarmente critica potrebbe non bastare più.

“Un anno al servizio della comunità: un’opportunità per tutti”

“I tempi sono cambiati e forse questo cambiamento implica anche che ogni giovane dedichi un anno della propria vita al servizio della comunità” ha commentato. 
Secondo la sindaca di governo di Berlino, un servizio sociale obbligatorio assolto dai giovani potrebbe essere positivo per tutti. La società intera ne riceverebbe un indubbio beneficio, ma anche gli stessi giovani potrebbero sviluppare consapevolezza dei problemi sociali, empatia e capacità di essere “parte della soluzione” e persino nuove competenze o vocazioni professionali.

“Un anno di questo tipo non solo servirebbe al bene comune, ma sarebbe anche un’esperienza formativa in grado di fornire orientamento, allargare gli orizzonti, arricchire per tutta la vita e persino tracciare la rotta per possibili percorsi di carriera”, ha dichiarato Giffey.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest