Germania invierà a Ucraina i sofisticati IRIS-T. Melnyk: “Una svolta, grazie Scholz!”

nessun sospetto irrispettoso
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz durante la registrazione del suo discorso alla nazione dell'8 maggio 2022. Cancelleria di Berlino. EPA-EFE/Andreas Gora / POOL

La Germania ha sbloccato le riserve sulla fornitura di nuove armi all’ucraina e si prepara a consegnare a Kiev i moderni sistemi di difesa area Iris-T, prodotti dall’azienda tedesca Diehl.

Entusiasta l’ambasciatore ucraino Andrij Melnyk, che aveva più volte criticato le reticenze di Berlino e che invece stavolta ringrazia “di cuore” il cancelliere e pensa che questa fornitura rappresenti una “svolta” per la difesa ucraina.

Iris-T all’Ucraina. L’ambasciatore Melnyk: “Finalmente possiamo dire grazie a Scholz!”

Dopo aver utilizzato un approccio cauto nelle forniture di armi a Kiev e dopo mesi di critiche a riguardo, il governo tedesco ha deciso di approvare la consegna dei moderni sistemi di difesa aerea Iris-T, che consentiranno all’Ucraina di difendersi dagli attacchi di jet, elicotteri, missili e droni russi. Mercoledì, infatti, davanti al Bundestag, il Cancelliere Olaf Scholz ha promesso la consegna di questi potentissimi strumenti, in grado di colpire il bersaglio a una distanza di 40 km. La Germania sembra inoltre intenzionata ad aggiungere al “pacchetto” quattro lanciarazzi multipli dalle scorte della Bundeswehr e un moderno radar di localizzazione, per individuare le posizioni dell’artiglieria.


Leggi anche:
L’ambasciatore ucraino Melnyk attacca Scholz: “Manca di leadership e coraggio”

L’ambasciatore ucraino Andrij Melnyk, che in questi mesi di guerra non ha lesinato aspre critiche al governo tedesco, accusato di eccessivo attendismo, stavolta si è detto totalmente soddisfatto. “Finalmente possiamo dire al cancelliere Scholz, dal profondo del cuore: grazie!” ha dichiarato Melnyk a Wirtschaftswoche, parlando di “svolta per l’Ucraina” e della possibilità che il Paese possa ora resistere molto più efficacemente. “Siamo felici che le cose si stiano finalmente muovendo e che il ghiaccio sia stato rotto” ha dichiarato inoltre Melnyk a Stuttgarter Zeitung e Stuttgarter Nachrichten.

Si prevede che la produzione degli Iris-T possa iniziare entro l’estate, che l’addestramento possa avere luogo in agosto e che la distribuzione possa aver luogo in ottobre. Ora, nella “wishlist” che l’Ucraina presenta a Berlino dall’inizio della guerra, restano i carri armati Marder e Leopard 1.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest