Ambasciatore ucraino boicotta il concerto di solidarietà del presidente tedesco: “I solisti sono tutti russi!”

limite
President.gov.ua, CC BY 4.0 , via Wikimedia Commons

Un pesante incidente diplomatico si è verificato tra il presidente della Repubblica Federale Tedesca, Frank-Walter Steinmeier, e l’ambasciatore ucraino a Berlino, Andrij Melnyk. Quest’ultimo ha infatti disertato il concerto “Per la pace e la libertà” organizzato da Steinmeier nel castello di Bellevue, sua residenza ufficiale. La ragione: i solisti erano tutti russi.

“È un affronto!”: così l’ambasciatore ucraino definisce il concerto di solidarietà per l’Ucraina

Il concerto, nato con l’intento di coinvolgere musicisti provenienti da Russia, Ucraina, Bielorussia e Germania, nonché, ovviamente, la famosa Filarmonica di Berlino, si è tenuto domenica.

L’intento era mostrare solidarietà verso l’Ucraina e ribadire la contrarietà della Germania all’invasione militare condotta dalla Russia. L’ambasciatore Melnyk, tuttavia, si è sentito addirittura offeso e lo ha fatto notare con un tweet indignato. Il testo, pubblicato sul social, recita: “Il presidente federale mi ha invitato al ‘Concerto di solidarietà verso l’Ucraina’. Piccolo spoiler: ci saranno esclusivamente solisti russi (!). Nessun ucraino. Nel bel mezzo della guerra contro i civili. Un affronto. Mi dispiace, me ne starò lontano”.

I solisti a cui Melnyk si riferisce sono il pianista Yevgeny Kissin e il baritono Rodion Pogossov. In realtà Kissin, che è ebreo-russo, si oppone con fermezza all’invasione russa dell’Ucraina ed è uno dei simboli della disapprovazione di questa guerra da parte di una parte del popolo russo. Per Melnyk, tuttavia, l’assenza di solisti ucraini rappresenta un’offesa impossibile da metabolizzare.


giusto

Leggi anche:
Scholz fa autocritica dopo il discorso di Zelensky al Bundestag: “Non è stato giusto non rispondergli”

Non è la prima volta che Melnyk irrigidisce i rapporti con il presidente federale

Non è la prima volta che l’ambasciatore ucraino rende tesi i rapporti con il presidente Steinemier, come ricorda anche la Berliner Zeitung. Nel 2021, infatti, Melnyk si rifiutò di partecipare a una commemorazione a cui era stato invitato, sempre da Steinmeier, per ricordare l’80° anniversario dell’invasione nazista dell’Unione Sovietica.

L’evento era stato organizzato presso il museo tedesco-russo di Karlshorst e l’ambasciatore ucraino sottolineò come non solo i russi, ma anche gli ucraini e i bielorussi, fossero stati vittime di quell’invasione. La scelta di un museo solo russo invece, secondo Melnyk, suggeriva un’errata equiparazione tra ex Unione Sovietica e la Russia.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest