Machete, martello e spray al peperoncino: rissa con 30 persone a Kreuzberg

Jcornelius, CC BY-SA 3.0 , via Wikimedia Commons

Nella tarda serata di mercoledì, la polizia di Berlino è stata avvertita di una rissa potenzialmente pericolosa in procinto di svilupparsi su Mehringdamm, nel quartiere di Kreuzberg. Circa trenta persone erano pronte a scontrarsi, dopo che un’accesa discussione fra due fazioni ostili si era sviluppata il giorno precedente. Gli agenti in borghese si sono posizionati in zona, davanti allo Späti che rischiava di essere il centro dell’alterco con armi come machete e coltelli.

Machete, martello e spray al peperoncino: venti contro dieci nella rissa a Mehringdamm

Poco dopo le 22, una ventina di uomini armati, fra le altre cose, di machete, spray al pepe, un coltello e un martello sono entrati nel negozio e hanno minacciato il proprietario e i dipendenti, i quali potevano contare sulla protezione di una decina di persone. A questo punto, i poliziotti presenti sul posto hanno dovuto chiamare i rinforzi, per fare fronte alla portata dello scontro. Ci sono voluti circa trenta agenti per separare i due gruppi e circa la metà degli appartenenti alla fazione più numerosa sono riusciti a scappare.


Leggi anche:
Inseguimento a Reinickendorf: minorenne fugge dalla polizia in auto, con a bordo una neonata

Rilasciati a piede libero: indagini in corso anche per detenzione di stupefacenti

Circa dieci persone sono state poste in stato di fermo, ma solo uno ha resistito in modo violento all’arresto. Oltre alle armi da taglio, al martello e allo spray al peperoncino, gli agenti hanno trovato, perquisendo gli arrestati, anche piccole quantità di droga. Una volta che la situazione è tornata sotto controllo, tutti i fermati sono stati rilasciati a piede libero, mentre sono in corso le indagini sui capi di imputazione relativi alla detenzione di stupefacenti e al reato di resistenza a pubblico ufficiale. Non ci sono ancora informazioni sul movente dell’azione che e sui retroscena dell’ostilità fra i due gruppi coinvolti nello scontro.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest