Si fingeva poliziotto per stuprare donne: arrestato a Berlino un quarantenne

ascia
Foto © Angela Fiore

Si fingeva poliziotto e adescava delle donne che poi violentava. Il responsabile è un berlinese di 40 anni, arrestato a Neukölln dalla polizia del Brandeburgo, come annunciato lunedì dagli investigatori. L’uomo avrebbe agito in almeno in tre casi, quelli finora noti.

Si fingeva poliziotto per stuprare, sempre con lo stesso modus operandi

Gli investigatori avrebbero parlato di tre circostanze. Il 12 dicembre 2021 e il 5 gennaio 2022, l’uomo avrebbe avvicinato delle prostitute nell’area urbana di Berlino. Le avrebbe poi legate e le avrebbe condotte in luoghi isolati delle foreste del Brandeburgo, nella zona intorno a Grünheide (Oder-Spree), dove avrebbe abusato di loro per poi abbandonarle, dopo averle derubate dei soldi che avevano con loro e dei telefoni cellulari.


cannibale di Berlino

Leggi anche:
Continua il processo al “cannibale di Berlino”: fondamentale il patologo forense

 


Il 6 gennaio, inoltre, una donna di 23 anni, che ha dichiarato di lavorare come prostituta, ha riferito alle forze dell’ordine di essere stata avvicinata da un uomo a Berlino e di essere stata condotta in auto in un bosco vicino a Kagel. Qui il copione, tristemente, si ripete. La giovane sarebbe stata infatti prima derubata di quanto aveva con sé, contanti e telefono, e poi sarebbe stata violentata.

L’uomo ha già diversi precedenti

L’uomo è un soggetto già noto alle forze dell’ordine. Numerose prove del reato contestato sarebbero state trovate nel suo appartamento, incluse targhe rubate a Berlino e presumibilmente montate sul veicolo, prima di colpire.

Domenica 9 gennaio, il tribunale di Fürstenwalde (Brandeburgo) ha emesso un mandato d’arresto per il quarantenne, che tuttavia, finora, si rifiuta di ammettere di aver commesso le violenze di cui è accusato. Continuano intanto le indagini.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest