Riduzioni del servizio per la BVG: a causa di Omicron, meno tram e metro nelle ore di punta

A causa dell’impennata di contagi dovuta alla diffusione della variante Omicron, la BVG ha annunciato nuove riduzioni del servizio a partire da lunedì 24 gennaio. Le crescenti assenze del personale, per malattia o per quarantena, rendono infatti impossibile all’azienda che gestisce autobus, tram e metropolitane a Berlino, il mantenimento dell’attuale numero di corse.

Per la seconda volta dall’inizio della quarta ondata, quindi, si diraderà il numero dei mezzi a disposizione dei passeggeri, soprattutto nelle ore di punta.

Riduzioni del servizio su 21 linee di tram e 4 linee della U-Bahn

Nello specifico, gli autobus funzioneranno con orario ridotto su un totale di 21 linee, mentre le linee dei tram M5 ed M6 correranno a intervalli di dieci minuti. Per quanto riguarda la U-Bahn, sono previsti cambiamenti nell’orario dei treni sulle linee U2, U5, U6 e U9. Verrà ridotta la frequenza delle corse nelle ore di punta della mattina e del pomeriggio e le linee funzioneranno seguendo i normali intervalli di cinque minuti durante tutta la giornata.


tariffa al chilometro

Leggi anche:
Tariffa al chilometro per i trasporti a Berlino? Ecco la proposta della BVG

La BVG rassicura i passeggeri promettendo che i tempi di attesa non si allungheranno, in media, di oltre un minuto e che le modifiche interesseranno soltanto il 4,8% di tutte le corse disponibili. Gli obiettivi principali dell’azienda, ha dichiarato il direttore operativo Rolf Erfurt, sono l’efficienza e l’affidabilità del servizio su tutto il territorio urbano. Per bilanciare la minore disponibilità di corse, inoltre, la BVG sta utilizzando, laddove possibile, veicoli e convogli più grandi, così da servire un numero maggiore di passeggeri con ogni singola corsa.

Nel frattempo, si stanno intensificando anche i controlli relativi alle misure di sicurezza a bordo dei mezzi pubblici, nello specifico rispetto all’utilizzo delle mascherine e all’applicazione della regola 3G.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest