Una bomba della seconda guerra mondiale esplode a Monaco: 4 feriti, uno grave

0
159
bomba della seconda guerra mondiale

Una bomba della seconda guerra mondiale del peso di 250 chili è esplosa mercoledì, intorno a mezzogiorno, su una delle linee della principale stazione ferroviaria di Monaco di Baviera, in un cantiere della Deutsche Bahn vicino al ponte Donnersberger, ferendo tre persone, una delle quali in modo grave.

In Germania non è affatto raro che vengano alla luce ordigni inesplosi risalenti ai bombardamenti aerei del secondo conflitto mondiale e che interi palazzi o strade vengano evacuati per il tempo che occorre agli artificieri a mettere in sicurezza il congegno esplosivo e rimuoverlo. Spesso le bombe si trovano sotto terra, coperte da oltre mezzo secolo di ricostruzioni e asfalto, ma rimuoverle non presenta particolari problemi. Solitamente il tutto si svolge in poche ore, senza incidenti e l’intera operazione viene considerata ordinaria amministrazione tanto dalle autorità quanto dai cittadini, abituati a lasciare le proprie case per qualche ora per permettere agli esperti di completare il procedimento.


Leggi anche:
La coalizione di Berlino contro i pirati della strada: più autovelox e controlli

 


Bomba della seconda guerra mondiale colpita da una perforazione nel cantiere

In questo caso, però, la detonazione è avvenuta perché l’ordigno è stato colpito durante una perforazione in corso nel cantiere ferroviario. Le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, l’ambulanza e gli artificieri sono immediatamente accorsi sul posto e tutte le corse sulla linea principale sono state interrotte immediatamente, alcuni treni sono stati anche evacuati. Anche il traffico ferroviario di lunga percorrenza intorno a Monaco è stato deviato. La polizia di Monaco ha monitorato la situazione nell’intera zona con l’aiuto di un elicottero. Dopo circa due ore e mezzo, alcune corse sono riprese lentamente, ma la linea principale è rimasta chiusa.

Fra le autorità accorse sul luogo c’è il ministro degli interni bavarese Joachim Herrmann (CSU). Le autorità dovranno ora indagare su come sia stato possibile non rilevare la presenza di una bomba della seconda guerra mondiale all’interno di un cantiere. Normalmente, infatti, prima di iniziare lavori e scavi di questo genere, si procede a sondare minuziosamente la porzione di terreno interessata, proprio per scongiurare l’eventualità di imbattersi in un ordigno inesploso.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest