La coalizione di Berlino contro i pirati della strada: più autovelox e controlli

0
53
pirati della strada

È guerra aperta, a Berlino, contro i pirati della strada. La coalizione di governo, formata da SPD, Verdi e Linke, converge infatti sulla necessità di rafforzare il controllo del traffico cittadino.

Più autovelox, più pattuglie, più multe e strategie pensate per impedire le terribili gare clandestine, che troppi morti sono già costate alla capitale tedesca: il disegno degli amministratori della città si traduce in misure concrete, annunciate nelle ultime ore.


Leggi anche:
Aggressione nella U-Bahn: ricercati tre uomini fra i 18 e i 25 anni

 


Il governo di Berlino contro i pirati della strada

La leader dell’SPD di Berlino, Franziska Giffey, probabile neosindaca cittadina, ha dichiarato giovedì che saranno 60 i dispositivi per il controllo della velocità che verranno predisposti a Berlino. Gli autovelox erano stati già notevolmente aumentati in città, negli ultimi anni, ma diventeranno ancora più presenti nel traffico cittadino. Le ha fatto eco anche Bettina Jarasch. La capogruppo in parlamento dei Verdi ha infatti dichiarato: “Vogliamo installare il maggior numero possibile di autovelox in tutta la città e il più rapidamente possibile e quindi rafforzare, di conseguenza, anche l’ufficio multe”.

Si pianificano inoltre molti più controlli da parte della polizia e dell’Ufficio dell’ordine pubblico. Sempre Jarasch ha precisato che il numero di pattuglie in bicicletta sarà addirittura triplicato e che le pattuglie si muoveranno su tutti i distretti”. L’obiettivo è in primis quello della sicurezza stradale, ma anche quello del conseguente rafforzamento dello stato di diritto. La leader dei Verdi ritiene infine che i costi dei dispositivi potranno essere recuperati con grande rapidità.

Niente auto potenti per guidatori inesperti

I guidatori inesperti, inoltre, non potranno affittare dalle aziende di noleggio auto particolarmente potenti. Lo scopo del divieto è quello di impedire le succitate corse clandestine, che purtroppo troppo spesso si sono verificate a Berlino.

(Fonte: dpa)

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here