Restrizioni per i vaccinati e per le riunioni private: ecco le nuove regole anti-Covid in Germania

0
1221
nuove regole anti-Covid

Le previsioni peggiori per il periodo natalizio e post-natalizio sono state confermate: le nuove regole per il contenimento della pandemia di Covid, stabilite dal vertice del governo con i ministri-presidenti dei Länder tedeschi, prevede, fra le alte cose, restrizioni anche per i vaccinati, la chiusura dei club e il divieto di far assistere il pubblico ai grandi eventi sportivi. Ecco una panoramica delle nuove regole anti-Covid approvate a livello federale.

Limitazioni per gli incontri privati fra Natale e Capodanno

A partire dal 28 dicembre, torneranno a esserci limiti sul numero di persone che possono incontrarsi privatamente al chiuso, anche in casa. Nello specifico, le riunioni potranno prevedere un massimo di 10 persone, tutte vaccinate o guarite – senza contare i bambini di età inferiore ai 14 anni. Nel caso sia presente anche solo una persona non vaccinata, le restrizioni saranno ancora più severe: ogni nucleo familiare potrà incontrare al massimo due persone di un altro nucleo familiare.

Queste regole entreranno in vigore fra Natale e Capodanno, ma per i a ridosso del Natale le autorità raccomandano di fare attenzione alle riunioni con parenti e amici, di arieggiare regolarmente gli ambienti, di indossare la mascherina al chiuso e di richiedere ai partecipanti di sottoporsi preventivamente a un test.

Nuove regole anti-Covid per gli eventi sportivi e culturali

Il 28 dicembre è la data entro la quale dovranno chiudere non solo i club, ma anche le porte degli eventi sportivi e culturali. Le partite della Bundesliga e tutte le altre competizioni sportive si svolgeranno a porte chiuse e per gli eventi di altro genere si apre nuovamente la stagione dello streaming. A implementare le chiusure dovranno essere i Länder e, in quelli con incidenza particolarmente alta, le amministrazioni locali saranno autorizzate a proibire eventi e assembramenti.

Ristorazione, teatri e commercio al dettaglio

Le regole 3G (uguale al green pass italiano) e 2G (quello che in Italia si chiama “super green pass”) continueranno a essere applicate rispettivamente nei luoghi di lavoro e nel commercio al dettaglio.

I ristoranti e i teatri potranno quindi rimanere aperti, ma dovranno applicare la regola 2G. Per accedere, quindi, sarà necessario presentare il certificato di vaccinazione o quello di guarigione. Non sarà sufficiente produrre un test negativo.

Capodanno: vietati fuochi d’artificio e grandi eventi

Come già annunciato, saranno vietati sia la vendita che l’utilizzo di fuochi d’artificio a Capodanno. La motivazione del divieto ha a che fare con le statistiche relative agli incidenti che i fuochi artificiali causano ogni anno. Il sistema sanitario, infatti, è già sotto pressione per via della pandemia e non sarebbe in grado di accogliere ulteriori urgenze legate ai festeggiamenti per il nuovo anno. In generale, a Capodanno sono vietati gli assembramenti di ogni tipo, poiché sussiste il limite di 10 persone.


comitato covid

Leggi anche:
Germania, lockdown dopo le feste? Domani vertice del governo con i Länder

Nuovi aiuti alle imprese più colpite dalle nuove regole anti-Covid

Il governo federale ha dichiarato di voler ampliare gli aiuti economici destinati ai settori degli eventi, delle fiere e della fabbricazione e vendita di fuochi d’artificio – tutti ambiti che sono particolarmente colpiti da queste ultime misure, in particolare nel periodo delle feste.

Campagna vaccinale: la Germania verso l’obbligo

Il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha annunciato che la campagna vaccinale continuerà senza sosta per tutte le vacanze, compresi i giorni di Natale e Capodanno. Nel documento finale espresso dal vertice c’è anche un appello generale alla popolazione a non rimandare la terza dose della vaccinazione.

Tanto il governo quanto i ministri-presidenti dei Länder sono sempre più inclini a introdurre un obbligo vaccinale generalizzato e si preparano a discuterlo a breve termine. Si pianifica inoltre di espandere le possibilità di accesso alla vaccinazione, soprattutto per i bambini.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest