La Germania promette 30 milioni di dosi entro Natale: ma quanto è credibile?

0
98
30 milioni di dosi

Quanto è credibile la promessa di 30 milioni di dosi di vaccino anti-Covid entro Natale, fatta dal governo tedesco e dal cancelliere designato Olaf Scholz? Questo è un momento tragico, per la Germania, che vede le terapie intensive saturarsi e lo stesso ministro federale della saluta, Jens Spahn, parlare delle feste come del momento in cui si potrebbe raggiungere il punto di rottura del sistema sanitario.

Mentre gli arerei dell’esercito trasportano i pazienti da un ospedale all’altro e mentre si valuta la possibilità di chiedere aiuto ai Paesi vicini, la soglia di vaccinazione continua intanto a essere bassa.


Lothar Wieler

Leggi anche:
Lothar Wieler attacca la politica tedesca sulla pandemia: “Ci aspetta un Natale terribile!”

 


Il vaccino manca, ma mancano anche medici e centri vaccinali

Il punto è che diversi centri vaccinali sono già stati smantellati, ma anche dove è possibile vaccinarsi si registrano, in molti Länder, file chilometriche e gravi inefficienze. Senza contare la mancanza di dosi sufficienti di preparato.

A Francoforte sono state respinte moltissime persone, proprio per la carenza di dosi di vaccino, mentre a Rosenheim, in Baviera, che per giunta è considerato un “hotspot”, la campagna di vaccinazione è in stallo e la protezione civile ha parlato addirittura di 1000 dosi di vaccino ricevuto su 22.000 ordinate. A Berlino, inoltre, stanno somministrando il vaccino molti meno medici. Questa estate, le praxis che hanno partecipato alla campagna vaccinale erano 3000, ora sono solo 2000. Il motivo? La spesa è eccessiva, rispetto all’effettiva compensazione economica ricevuta.

30 milioni di dosi entro entro il 17 dicembre

Jens Spahn ha intanto presentato le cifre specifiche dei nuovi rifornimenti di vaccino: 18 milioni di dosi di Biontech e 12,5 milioni di dosi di Moderna dovrebbero essere consegnate entro il 17 dicembre. Moderna sarebbe inoltre doppiamente sufficiente per i richiami e questo significherebbe, in termini numerici, poter somministrare 43 milioni di booster. Non resta che aspettare, per vedere se ci sarà un oggettivo miglioramento della campagna vaccinale.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest