L’Eintracht Francoforte rimborsa i PCR dei più piccoli

0
173
Eintracht Francoforte

di Flaviano Maggi

L’offerta per avere più pubblico all’interno dell’ex Commerzbank-Arena, ora Deutsche Bank Park, è unica in Bundesliga: offrire un rimborso per il test pcr dei più giovani. “Più bambini più sicurezza!” è il motto dell’Eintracht Francoforte.

L’Eintracht Francoforte supporta i tifosi più giovani

Nonostante un inizio di campionato mediocre, la società cerca ora di coinvolgere le nuove generazioni a seguire la squadra direttamente allo stadio, coinvolgendo un pubblico giovane e testato. Non avendo i bambini sotto una certa età la possibilità di fare il vaccino, si è cercato di non estromettere i piccoli tifosi dalle abitudini calcistiche locali con questa iniziativa e in generale di supportare i giovani.

Tutti gli spettatori tra i 7 e i 18 anni saranno sovvenzionati con 50 euro per le partite in casa contro l’Hertha BSC (sabato) e contro l’Olympiakos Pireo (la prossima settimana).
A essere sostenuti con 50 euro saranno anche i non vaccinati che potranno provare di non avere la possibilità di fare il vaccino. In alternativa, può essere consegnato un buono di 70 euro per il fan shop dell’Eintracht.

Il sussidio sarà disponibile solo per le prossime due partite

“Il sussidio sarà disponibile solo per queste due partite, poiché non ci aspettiamo che questo requisito svantaggioso per i bambini venga imposto di nuovo” ha dichiarato il portavoce del direttivo, Axel Hellmann. Gli interessati possono registrarsi per il rimborso presso le biglietterie E1, E2 e E4, direttamente il giorno della partita. Ulteriori dettagli sulla procedura saranno annunciati dall’Eintracht nel prossimo futuro.


energia

Leggi anche:
Risparmiare energia: Francoforte scommette su un futuro più ecosostenibile

 


Continua intanto la lotta della squadra per trovare un baricentro

Intanto, la vittoria dello scorso 3 ottobre, contro un Bayer München arrogante e svogliato, ha portato un po’ di euforia in una squadra che fatica a trovare un anima e un gioco.

L’arrivo del nuovo trainer, Oliver Glasner, ha di fatto trasmesso “molta disciplina ma pochi risultati” e la disfatta per 2 a 0 dello scorso agosto in coppa di Germania contro il Waldhof Mannheim (squadra che milita in un campionato regionale) lascia ancora ferite nello spogliatoio del team di Francoforte. Che la seconda parte di ottobre sia veramente la svolta della stagione? Vedremo da domenica contro il Bochum.

facebook
Twitter
Pinterest