Il caos al BER continua: passeggeri in aeroporto quattro ore prima della partenza!

0
113
quattro ore
Marbus1966, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Dopo la rabbia del fine settimana, a Berlino non accenna a diminuire l’insoddisfazione di chi si trova a dover partire dall’aeroporto cittadino. Il caos al BER, infatti, continua, e pare che sia stato richiesto ai passeggeri di Lufthansa di recarsi in aeroporto addirittura quattro ore prima della partenza, contro le due di anticipo richieste durante il fine settimana e che pure avevano creato disagio.


caos al BER

Leggi anche:
Caos al BER: l’aeroporto di Berlino fuori controllo nel fine settimana

 


Quattro ore prima della partenza: l’incubo dei passeggeri del BER

Il Berliner Morgenpost ha citato a questo proposito il caso di un passeggero diretto a Francoforte sul Meno e che ha ricevuto un’e-mail in cui gli si consigliava espressamente di recarsi al terminal “almeno 240 minuti prima della partenza”.

I problemi del BER, tuttavia, non si limitano solo alla fase del check-in. Si parla infatti anche di ritardi ai controlli di sicurezza e di disservizi nel settore di caricamento dei bagagli, dovuti spesso alla carenza di personale.

BER e Lufthansa rispondono alle critiche

Lufthansa ha cercato di giustificarsi in tutti i modi, dichiarando di aver aperto il numero massimo di banchi disponibili per il check-in per far fronte al sovraffollamento. Ha inoltre imputato i disservizi alle procedure di controllo legate al Coronavirus e quindi alla verifica di test e certificati di vaccinazione.

La società che gestisce l’aeroporto ha invece attribuito gran parte dei problemi di venerdì e domenica, sebbene anche sabato abbia avuto la sua quota di disservizi, a una carenza di personale dovuta a un elevato numero di persone in malattia. In realtà, l’associazione degli aeroporti (Flughafenverband – ADV) ha parlato anche di un problema sistemico, dovuta al fatto che gli ex cassaintegrati aeroportuali hanno terminato il rapporto di lavoro con la società e non è possibile assumere nuovo personale in regime di orario ridotto. Il sindacato Verdi, sottolinea, a questo proposito, anche le pessime condizioni del personale. Secondo l’esperta del sindacato per il settore aeroportuale, Mira Neumaier,  salari bassi e durezza delle mansioni avrebbero portato il 16% del personale di volo e addirittura la metà del personale di terra ad abbandonare il loro lavoro.

(Fonte, Berliner Kurier)

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here