Quadruplicata l’incidenza a Berlino. Il 12% contagiati dopo un viaggio all’estero

0
86
incidenza a Berlino

L’incidenza a Berlino è quadruplicata dall’inizio di luglio e il sistema dei semafori, ancora in vigore, torna per la prima volta da molte settimane sul livello di allerta giallo. Al momento nella capitale tedesca si registra, secondo il Robert Koch Institut, un’incidenza settimanale media di 21,8, la più alta di tutta la Germania. A essere responsabile dell’impennata di contagi, soprattutto nella popolazione di età compresa fra i 20 e i 24 anni, è la Variante Delta e, secondo le stime attuali.

Fra i distretti, la “maglia nera” va a Friedrichshain-Kreuzberg, con un’incidenza superiore a 40, mentre la situazione migliore si riscontra a Marzahn-Hellersdorf, dove il livello è ancora a 6,3. Circa il 12% dei contagiati è risultato positivo al rientro da un viaggio all’estero, ma non sono state fornite indicazioni sulle destinazioni visitate.


Leggi anche:
Berlino, il 21 luglio chiude il centro vaccinale di Tempelhof

 


L’incidenza a Berlino cresce, ma le terapie intensive calano

Nonostante l’aumento dei contagi, fortunatamente, non è aumentata la pressione sul sistema sanitario e in particolare sulle terapie intensive, la cui occupazione da parte dei pazienti Covid è stabile al 3,3% e in leggero calo. Secondo il rapporto ufficiale del Robert Koch Institut, questo dipenderebbe dal fatto che i giovani, che rappresentano la maggioranza dei nuovi contagiati, sviluppano più raramente la malattia in forma grave e tendono a presentare, rispetto alle altre fasce d’età, la percentuale più alta di asintomatici o pauci-sintomatici. Lo stesso rapporto mette però in guardia sul fatto che non è infrequente che possa passare qualche giorno fra la diagnosi e lo sviluppo di sintomi tali da richiedere l’ospedalizzazione e che quindi esiste la possibilità che il rapporto numerico fra contagiati e recuperati possa cambiare nelle prossime settimane.

Il 60% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino

In questa circostanza, il Robert Koch Institut non ha diffuso informazioni specifiche sullo stato di vaccinazione delle persone infette, anche se, negli ultimi giorni, altri rapporti dello stesso istituto hanno evidenziato come la maggior parte dei contagiati dalla Variante Delta non siano vaccinati. Al momento circa il 46% della popolazione Berlinese ha ricevuto la completa immunizzazione, mentre il 60% ha ricevuto almeno una dose di vaccino.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here