Un videogioco online per vivere l’esperienza di cercare casa a Berlino

cercare casa a berlino

Cercare casa a Berlino, si sa, non è affatto facile. Più passa il tempo, più il mito di una città dagli affitti abbordabili, dove chiunque riesce a trovare una sistemazione va svanendo di fronte all’evidenza dei costi vertiginosi per stanze improbabili, della difficoltà di trovare un appartamento in condivisione che permetta addirittura di fare l’Anmeldung e, soprattutto, della concorrenza spietata che costringe a visitare ogni appartamento insieme a decine di altre persone. Tutti hanno almeno una storia dell’orrore da raccontare in merito e tutti ne hanno sentite a centinaia. Il blogger berlinese Bastien Allibert ha pensato di riderci su, creando un videogioco dall’estetica vintage che permette di vivere, con un tocco di ironia, l’emozione di cercare casa a Berlino.


blocco degli affitti a berlino

Leggi anche:
Annullato il blocco degli affitti. Gli inquilini dovranno restituire la differenza

 


Berlin Flat Quest è un videogioco gratuito, che può essere giocato online su qualsiasi browser e che, nelle parole dell’autore, nasce per “offrire una catarsi a chiunque abbia vissuto a Berlino o abbia provato a trasferircisi, per incanalare questa frustrazione collettiva in qualcosa di divertente, sottolineando allo stesso tempo l’accesso ineguale a uno spazio abitativo decente”. Il gioco ricrea il doloroso processo di trovare un alloggio a Berlino attraverso una serie di mini-giochi molto divertenti. Il giocatore assume il ruolo di un nuovo arrivato nella capitale tedesca, che passa attraverso le fasi tipiche della ricerca di una sistemazione.

I livelli di difficoltà possono variare a seconda che il personaggio abbia o meno un cognome tedesco, che abbia o meno una buona Schufa (il sistema che valuta il potenziale di solvibilità), ma anche a seconda della posizione lavorativa, del quartiere nel quale si vuole abitare e così via. Per arrivare all’obiettivo, il giocatore dovrà farsi strada inviando centinaia di e-mail, partecipando a interviste senza senso e spostando i propri averi attraverso la città.

cercare casa a berlino

Gli appassionati di videogiochi degli anni ’80 e ’90 apprezzeranno particolarmente le grafiche retrò e i mini-giochi ispirati ai classici a 16 Bit. Merita una menzione speciale la gestione dell’intervista, che ricorda gli esilaranti duelli verbali di Monkey Island. Con una variante dedicata a David Bowie. Se si commettono troppi errori, il gioco finisce perché si finiscono i risparmi. Se invece si vince, ci si ritrova comunque in un appartamento che lascia molto a desiderare, magari perché ha il riscaldamento a carbone o è infestato dalla muffa.

Bastian Allibert è anche editore di Settle in Berlin, un blog in lingua inglese che si propone di orientare i nuovi arrivati nei meandri della burocrazia tedesca. Il suo videogioco, in questo senso, ha anche un retrogusto amaro, alla luce delle recenti proteste che hanno agitato la capitale tedesca proprio a causa degli aumenti degli affitti, in particolare dopo la revoca del Mietendeckel (il limite imposto per legge ai canoni di affitto a Berlino e dichiarato in seguito incostituzionale). Berlin Flat Quest dipinge il quadro di un mercato immobiliare selvaggio che patisce da un lato il rinnovato interesse mondiale per la capitale tedesca e dall’altro la mancanza di spazio abitativo, che stritola chi ha la sfortuna di dover cercare casa a Berlino, ma non riesce a proporre soluzioni efficaci.

Berlin Flat Quest è giocabile a questo link.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest