L’autorità antitrust tedesca apre due procedimenti contro Google

antitrust
Outreach Pete, CC BY 2.0 , via Wikimedia Commons

L’autorità antitrust tedesca (Bundeskartellamt) ha aperto due procedimenti a carico di Google, in ottemperanza alle recenti modifiche apportate alla legge sulla concorrenza, applicabili alle grandi multinazionali della tecnologia. I procedimenti, che interessano Google Germania, Google Irlanda e Alphabet (l’azienda americana proprietaria del marchio Google e di tutti i servizi a esso connessi), hanno lo scopo di determinare il peso che Google esercita sul proprio mercato e di valutare il modo in cui l’azienda utilizza i dati degli utenti.


hacker etico

Leggi anche:
Nuovi termini di servizio di Whatsapp: l’autorità tedesca per la privacy li blocca per tre mesi

Cosa stabiliscono le nuove regole tedesche in materia di antitrust

Nel gennaio del 2021 è entrato in vigore il decimo emendamento alla normativa tedesca sulla concorrenza (GWB-Digitalisierungsgesetz) che prevede, all’articolo 19a, la possibilità per l’autorità di intervenire contro i giganti della tecnologia e in generale le aziende che abbiano un ruolo fondamentale nel mercato di riferimento, in caso di violazione del principio di libera concorrenza, impedendo politiche aziendali che possano costituire forme di monopolio.

Il procedimento contro Google

L’azione avviata nella giornata di martedì contro Google ha prima di tutto lo scopo di determinare se l’azienda abbia quello che può essere definito un “ruolo fondamentale” sul mercato o, per meglio dire, all’interno di un complesso ecosistema che comprende molteplici mercati. Una posizione di preminenza estesa a molteplici settori, di per sé, rende più difficile per le altre aziende esercitare liberamente la concorrenza. Nel caso di Google questo ecosistema è costituito dai diversi ambiti nei quali Google fornisce servizi tramite i suoi molteplici marchi (come Youtube, Google Maps, il browser Chrome, i sistemi operativi per smartphone).

La seconda parte del procedimento, che procede in parallelo alla prima, si concentra invece sul modo in cui Google gestisce i dati degli utenti. Andreas Mundt, presidente dell’antitrust tedesca, ha dichiarato che “Il modello di business di Google si basa in larga misura sul trattamento dei dati relativi ai suoi utenti. Grazie al suo accesso consolidato ai dati rilevanti per la concorrenza, Google gode di un vantaggio strategico. Pertanto, esamineremo da vicino le condizioni di trattamento dei dati da parte dell’azienda. Una questione chiave in questo contesto è se i consumatori che desiderano utilizzare i servizi di Google abbiano sufficiente possibilità di scelta circa il modo in cui Google utilizzerà i loro dati”. In altre parole, il Bundeskartellamt valuterà se Google/Alphabet subordini l’uso dei servizi al consenso degli utenti al trattamento dei loro dati, senza dare loro una scelta sufficiente riguardo a se, come e per quale scopo tali dati verranno utilizzati. Procedimenti simili sono stati avviati, negli ultimi mesi, anche contro Facebook e Amazon.

Fonte: Bundeskartellamt
P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest