Berlino Racconti Urbani – Covid e Ristorazione

0
58
BERLINO RACCONTI URBANI Covid e Ristorazione

Torna Berlino Racconti Urbani, il podcast del Mitte. La prima puntata della seconda stagione si ricollega a un progetto del quale abbiamo già parlato e al quale teniamo particolarmente: “Un urlo ci salverà – 10 storie da urlo di Italiane in Germania“, il libro prodotto dal Comites di Dortmund e dall’associazione di promozione sociale Donne all’Ultimo Grido e realizzato grazie al contributo del MAECI. Il tema di questo primo episodio della nuova serie è “Covid e ristorazione“.


Un Urlo ci salverà

Leggi anche:
“Un urlo ci salverà – 10 storie da urlo di italiane in Germania”: il Comites di Dortmund incontra Donne all’ultimo grido

 


Fra le storie raccontate nel libro, infatti, c’è quella di Mirela, una giovane studentessa che lavora anche come cameriera in un ristorante e che, con l’inizio della pandemia, si trova costretta a restare a casa. Il titolo del racconto è È calato il silenzio. Il silenzio delle conversazioni intorno a una tavola, che si sono spente per non riaccendersi più. Il silenzio delle confidenze dei clienti, del chiacchiericcio allegro in sala: tutti suoni che non fanno più parte delle nostre vite e delle nostre relazioni.


Leggi anche:
Lediesis illustrano “Un Urlo ci salverà”. Intervista con il misterioso duo di street-artist

 


Per parlare di Covid e ristorazione abbiamo raggiunto Stefano Crea, giovane imprenditore italiano a Berlino, che ha dovuto reinventarsi proprio a causa della pandemia, passando dall’essere ristoratore prima e proprietario di un catering poi a lavorare come vicedirettore in un supermercato. Che cosa accade a tutte le piccole realtà della ristorazione che non riescono a resistere alla crisi? Quali attività riescono a salvarsi e a sopravvivere? Quali sfide ci aspettano nel prossimo futuro? E, soprattutto, come lo riempiamo questo silenzio?

Come sempre, potete ascoltare il nostro podcast anche su Apple Podcasts, Spotify, Stitcher, Google Podcasts e Radio Public.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here