Alla scoperta di Mercurio: la video-intervista ad Andrea Acomazzo, capo missione dell’ESA

Mercurio
Andrea Accomazzo, in collegamento dalla Main Control Room all'ESA European Space Operations Centre, il giorno del wake-up della sonda Rosetta. Di European Space Agency - Live update from the Main Control Room, CC BY-SA 3.0 igo, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36743150

Mercurio, benché relativamente vicino alla terra, è uno dei pianeti più misteriosi e inesplorati del sistema solare. Il 20 ottobre 2018 l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), insieme all’omologa giapponese JAXA, lancia la sonda BepiColombo alla scoperta dei segreti di questo pianeta. Proprio quest’anno vi sarà il primo rendez vous col pianeta misterioso.

Radiotest dell’orbita di BepiColombo. By ESA–G. Porter, CC BY-SA 3.0 igo, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=59250167

Scoprire Mercurio: intervista con il “pilota” di BepiColombo

Questa settimana, per il ciclo ItaliaetScientia, il Consolato d’Italia a Francoforte ha intervistato in Sala Europa il “pilota” di BepiColombo, l’ing. Andrea Accomazzo, responsabile delle missioni interplanetarie presso il centro ESA – ESOC di Darmstadt.


astrofisico

Leggi anche:
Francoforte, online “Il caso Majorana”: un astrofisico legge il capitolo dell’incontro con Heisenberg

 


Se siete pronti per il lungo viaggio verso Mercurio, vi consigliamo di guardare e ascoltare la lezione-intervista su BepiColombo, che rendiamo disponibile in questo video e che ci accompagnerà alla scoperta della sonda e degli obiettivi della missione. L’intervista è presente, insieme, insieme ad altre, sul canale Youtube ufficiale del Consolato d’Italia a Francoforte.

La missione BepiColombo ha infatti la scopo di studiare la composizione, la geofisica, l’atmosfera, la magnetosfera nonché la storia del pianeta più vicino al Sole con un dettaglio senza precedenti.

BepiColombo è composta da tre moduli: il modulo di accompagnamento Mtm – Mercury Transfer Module – e due sonde denominate Mercury Planetary Orbiter (MPO) che volerà in orbita più bassa attorno al pianeta e Mercury Magnetospheric Orbiter (MMO) che sarà in orbita più alta per studiare i campi magnetici di Mercurio.