Nuovo grattacielo ad Alexanderplatz: sarà alto 150 metri

nuovo grattacielo pietra travolto svastiche agosto 2023 interruzione galeria telefonata anonima alexanderplatz aggressione omofobica

Nella celebre Alexanderplatz si annuncia la costruzione di un nuovo grattacielo, che verrà edificato dall’investitore statunitense Hines nei pressi del negozio di elettronica Saturn, dando finalmente concretezza ad un progetto rimasto a lungo sulla carta.

Il progetto è stato vinto dall’architetto americano Frank O. Gehry nel 2014 e la nuova torre residenziale svetterà per 150 metri.

Un nuovo grattacielo per Alexanderplatz: l’investitore è il gruppo immobiliare Hines

Stando a quanto riferito dall’Amministrazione del Senato per lo Sviluppo Urbano, nel corso di quest’anno dovrebbero compiersi passi decisivi, in relazione al piano di sviluppo di Hines. Tra questi, il “coinvolgimento delle autorità” e la “negoziazione per la stipula di un contratto di sviluppo urbano”. Una volta completate tali procedure, il piano sarà sottoposto all’approvazione di Senato e Parlamento cittadino.

L’altezza di 150 metri del grattacielo sembra confermata, in contrasto con le considerazioni dell’ex Direttrice dell’Edilizia del Senato, Regula Lüscher, che aveva suggerito di contenere l’altezza del grattacielo entro i 130 metri, per non compromettere eccessivamente la vista della Torre della Televisione.


Fernsehturm torre della televisione

Leggi anche:
La Fernsehturm. La torre della televisione: storia e segreti del simbolo più amato di Berlino

L’attuazione del piano di costruzione del grattacielo è andata molto a rilento, anche perché il Senato ha richiesto all’investitore di raggiungere preventivamente un’intesa con l’Azienda Trasporti di Berlino (BVG), a tutela delle gallerie sotterranee presenti nell’area di cantiere. Tale accordo di massima, stabilito nel 2021 e riconfermato nel 2022, prevede la ristrutturazione dei tunnel a spese di Hines, anteriormente all’avvio dei lavori edilizi.

L’importanza di salvaguardare la metropolitana è dimostrata da quanto si è verificato nel mese di ottobre del 2022, sempre ad Alexanderplatz, in un cantiere dell’investitore francese Convivio. In seguito ai lavori di costruzione di un grattacielo di 130 metri accanto al Park Inn, infatti, il terreno ha ceduto, compromettendo parzialmente la struttura di un tunnel della metropolitana e quindi la linea 2, rimasta a lungo inutilizzata senza che si potesse intravedere la fine del problema.

punti panoramici alexanderplatz

La costruzione dovrebbe iniziare nel 2025

L’amministratore delegato di Hines, Christoph Reschke, guarda con ottimismo ai futuri sviluppi. “Stiamo vivendo un nuovo clima costruttivo nelle nostre discussioni e su questa base abbiamo raggiunto una svolta” ha dichiarato, come riportato dalla Berliner Zeitung. Hines prevede di iniziare la costruzione nel 2025, dopo la ristrutturazione del tunnel sotterraneo.

Reschke sostiene che il nuovo grattacielo si inserirà nello skyline urbano con una “sagoma slanciata” e moderna e in raccordo con uno degli altri nuovi grattacieli di Alexanderplatz, pure alto 150 metri, progettato dal gruppo russo Monarch e destinato a sorgere nei pressi del centro commerciale Alexa. I lavori della Torre Monarch sono tra l’altro stati interrotti alla fine del 2022, a causa del congelamento dei fondi necessari in seguito alle sanzioni UE legate all’aggressione russa contro l’Ucraina. La costruzione di questo secondo edificio, di conseguenza, è al momento in stallo totale.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!