Berlino, pietre lanciate sull’autostrada A111: due dodicenni confessano

pietre

Da un paio di giorni, la polizia di Berlino cercava i responsabili del lancio di dozzine di pietre sulla carreggiata dell’autostrada cittadina A111, a Tegel.

Il lancio si è verificato martedì sera, ma le prime segnalazioni sono arrivate già domenica sera, quando diverse persone avevano effettuato chiamate di emergenza per denunciare il medesimo fatto.


daniela klette

Leggi anche:
Arrestata a Berlino Daniela Klette, ex terrorista della RAF. Usava un passaporto italiano

Due dodicenni dietro il lancio di pietre sull’A11 di Berlino

Mercoledì, sono stati individuati i presunti responsabili: si tratta di due ragazzi di dodici anni, che avrebbero già ammesso il gesto. Un terzo sospettato sarebbe ancora sotto indagine.

In base alle accuse, a quanto pare confermate, i due dodicenni avrebbero lanciato sulla carreggiata dell’A111, presumibilmente da un ponte, circa 150 tra sassi e ciottoli. Parliamo del tratto che si trova alla fine del tunnel Ortskern Tegel, sopra il quale si trova un segmento segnato da ex binari e che si presentava pieno di pietre.

Due auto colpite. Danni al parabrezza e al cofano

Altri sassi, inoltre, hanno colpito anche auto in movimento e due veicoli hanno subito danni al parabrezza e al cofano. I due conducenti, di 50 e 57 anni, sono fortunatamente rimasti illesi.

Per consentire le indagini della polizia, martedì sera l’A111 è stata chiusa per diverse ore, in entrambe le direzioni. Questo ha causato ingorghi, interruzioni e rallentamenti del traffico, che si sono protratti molto a lungo e hanno esasperato molto l’animo degli automobilisti in transito.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!