Berlino, incendio nella notte: donna muore a Schöneberg

incendio

Nella notte tra martedì dal mercoledì, si è sviluppato un incendio nel distretto berlinese di Schöneberg. Nonostante l’intervento dei vigili del fuoco, una donna è purtroppo deceduta.

Incendio a Schöneberg: muore una 66enne

La tragedia si è verificata in tarda serata, verso le 23:10, quando le fiamme hanno avvolto i mobili e gli arredi di un appartamento situato al piano terra in Wilhelm-Hauff-Straße. Udendo l’allarme antincendio attivato, un testimone ha prontamente segnalato l’emergenza ai vigili del fuoco.

Gli operatori si sono precipitati sul posto in forze, con un team di 28 persone, forzando la porta dell’appartamento e iniziando a spegnere le fiamme. L’incendio è stato estinto rapidamente, ma purtroppo non è stato possibile fare nulla per la donna che era all’interno, una 66enne purtroppo trovata senza vita.

Illesi sono invece gli altri inquilini dell’edificio, un complesso residenziale di cinque piani. Nella stessa notte, la polizia ha iniziato a indagare sulle cause dell’incendio. Al momento si sospetterebbe una causa accidentale, ma non sarebbero disponibili informazioni più precise. Di sicuro, però, e questa è una valutazione di carattere generale, spesso si verificano incendi dall’esito tragico, legati alla sottovalutazione di alcuni rischi, in ambito domestico.


candele

Leggi anche:
Vigili del fuoco di Berlino: “Candele natalizie pericolose, i nostri consigli”

Proprio per questa ragione, qualche giorno fa, i vigili del fuoco di Berlino hanno messo in guardia la popolazione in questo senso, dando anche una dimostrazione pratica di come si possano propagare facilmente le fiamme, anche da semplici candele o decorazioni natalizie.

È quindi molto importante seguire le loro indicazioni e non lasciare mai fiamme incustodite, ma spegnere tutto, quando si esce o si va a dormire. È altrettanto importante avere sottomano dispositivi di spegnimento delle fiamme, ma non se l’incendio si è già propagato. In quel caso bisogna limitarsi a fuggire.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!