Berlino, KaDeWe attaccato da noto gruppo hacker

attacchi hacker

Un recente attacco informatico ha preso di mira l’infrastruttura informatica della filiale KaDeWe di Wittenbergplatz, nel distretto berlinese di Schöneberg.

L’attacco è stato rapidamente contenuto, insieme ai danni, grazie ai moderni sistemi di allarme impiegati a questo scopo. Si cerca tuttavia di capire, nel modo più preciso possibile, cosa abbia fatto rischiare l’attacco alla filiale del gruppo di grandi magazzini più famoso di Berlino.

Attacco hacker colpisce filiale dei noti grandi magazzini KaDeWe

L’incidente è avvenuto la settimana scorsa, nella notte tra il 2 e il 3 novembre. Nonostante l’infrastruttura informatica interessata sia stata già localizzata, al momento non è tuttavia possibile dire se e in che misura siano stati rubati dati, perché la questione è attualmente ancora oggetto di indagine.


catastrofe informatica

Leggi anche:
Catastrofe informatica in Germania: hacker paralizza l’amministrazione in Sassonia Anhalt

In una dichiarazione ufficiale, il Gruppo KaDeWe ha cercato di rassicurare gli animi, dichiarando che gli investigatori non avrebbero prove che pagamenti personali o informazioni bancarie dei clienti siano stati compromessi durante l’attacco e ha aggiunto che le password dei conti online “non erano alla portata di chi ha sferrato l’attacco”.

Dietro l’azione il gruppo hacker “Play”?

Il famoso gruppo hacker “Play” è stato indicato come il possibile artefice dell’attacco. Il gruppo, emerso nel 2022, in passato ha colpito anche il quotidiano svizzero Neue Zürcher Zeitung (NZZ) e un fornitore di servizi dell’Amministrazione federale svizzera e in generale ha colpito anche negli Stati Uniti e in Brasile, Argentina e Belgio.

Subito dopo l’attacco, il Gruppo KaDeWe ha segnalato l’incidente alle autorità competenti e ha presentato una denuncia che trasferirà la questione in ambito penale. Attualmente, KaDeWe è in stretto contatto con l’unità della polizia di Berlino che si occupa di reati informatici. Per precauzione, anche l’autorità per la protezione dei dati è stata informata su quanto accaduto.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!