Sanità tedesca: il ministro propone il “Registro della Trasparenza” per gli ospedali

omeopatia quote riforma della sanità senza figli
Il ministro della sanità tedesco Karl Lauterbach durante una conferenza stampa al Bundestag sulla situazione della pandemia. Berlino, 12 agosto 2022. Foto: EPA-EFE/CLEMENS BILAN

Il Ministro della Sanità Karl Lauterbach (SPD) ha annunciato una nuova iniziativa che dovrebbe cambiare il modo in cui i pazienti accedono alle informazioni sugli ospedali in Germania. Questo registro online, che dovrebbe chiamarsi “Registro della Trasparenza“, avrebbe lo scopo di fornire ai pazienti una visione chiara della specializzazione e della qualità delle cure offerte da ciascun ospedale, per permettere a ciascuno, in teoria, di comprendere meglio quale struttura possa essere adatta alle proprie esigenze.

Registro della Trasparenza: i pazienti dovrebbero essere consapevoli di come vengono valutati gli ospedali

In futuro, se la riforma arriverà a compimento, i pazienti avranno accesso a questa directory online, gestita dallo Stato, che fornirà informazioni dettagliate e comprensibili sui servizi offerti in ciascun ospedale. Il lancio ufficiale è previsto per aprile 2024, e, nelle intenzioni del ministro, si tratta di un passo significativo verso una maggiore trasparenza nel sistema sanitario tedesco.

Secondo Thomas Moormann, esperto di salute dell’Associazione Federale dei Consumatori, la trasparenza non è mai stata una caratteristica distintiva del sistema sanitario in Germania. I pazienti spesso si trovano di fronte a una vasta gamma di portali diversi per cercare ospedali, il che può generare confusione, specialmente perché le informazioni sono filtrate, raggruppate e presentate secondo criteri non uniformi e spesso di difficile interpretazione per i non addetti ai lavori. Inoltre, non è facile valutare l’efficacia dei trattamenti specifici per un problema di salute in un determinato ospedale. In questo senso, infatti, la directory voluta da Lauterbach potrebbe essere davvero efficace solo qualora si investigasse, dopo i soggiorni ospedalieri, sull’effettiva efficacia del trattamento ricevuto dal paziente.

Sempre secondo l’associazione dei consumatori, queste informazioni dovrebbero essere anche facilmente accessibili negli studi medici, in modo da far passare tali decisioni anche e soprattutto per l’indispensabile rapporto fra il paziente e il suo medico di fiducia.


Leggi anche:
Assicurazioni sanitarie in crisi: l’esperto della CDU propone l’introduzione dei ticket

Questa iniziativa si inserisce in un quadro più ampio di riforma ospedaliera in Germania. La legge mira a creare una specie di “Atlante Ospedaliero” che permetterà ai pazienti di vedere quali servizi offre un ospedale nelle loro vicinanze e come si posiziona in termini di qualità e personale medico e infermieristico. Questi dati saranno poi combinati con altre informazioni esistenti e resi disponibili al pubblico. Inoltre, gli ospedali saranno classificati in base a livelli di assistenza, dalla cura di base fino ai servizi di alta specializzazione, come quelli degli ospedali universitari.

Le critiche: a rischio le strutture più piccole?

Questo piano ha sollevato diverse discussioni, con alcune critiche da parte di chi ritiene, come il ministro della Sanità bavarese Klaus Holetschek (CSU), che la classificazione in “livelli” potrebbe comportare rischi. Ad esempio, potrebbe Thomas Moormann all’esclusione di ospedali più piccoli e sovraccaricare quelli che offrono cure di alta qualità. C’è anche una preoccupazione per la sovrapposizione di competenze fra governo federale e Länder.

L’Associazione Tedesca per l’Assistenza Sociale ha sottolineato l’importanza della partecipazione dei pazienti in questo processo. Per garantire un’informazione di qualità orientata al paziente, affermano, è necessario coinvolgere attivamente i pazienti stessi. L’associazione ha anche chiesto che il registro della trasparenza sia pubblicato da un organismo indipendente, a beneficio esclusivo dei pazienti, invece che da un’autorità statale.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!