Il sindaco di Berlino: “Situazione a Görlitzer Park inaccettabile”. Liberali: “Sei tu il sindaco”

gorlitzer park stupro di gruppo

Il sindaco di Berlino, Kai Wegner, ha espresso il suo forte disappunto riguardo alla situazione di Görlitzer Park, definendola “inaccettabile” con il Tagesspiegel e annunciando contromisure. Questa zona di Berlino è da sempre al centro di mille problemi e a giugno sarebbe stata teatro un grave episodio di stupro ai danni di una giovane donna di 27 anni. Il parco sarebbe comunque noto, in generale, come un hotspot relativamente a reati di droga, furti e risse.

Kai Wegner: “La situazione di Görlitzer Park è inaccettabile”, ma Lindemann lo critica

Il segretario generale dell’FDP di Berlino, Lars Lindemann, ha criticato Wegner, sottolineando che è lui a guidare il governo di Berlino in quanto sindaco e che di conseguenza dovrebbe agire concretamente, invece di limitarsi a discutere.


gorlitzer park stupro di gruppo

Leggi anche:
Stupro di gruppo a Görlitzer Park: sospettati quattro adolescenti

Intanto la Polizeipräsidentin Barbara Slovik ha dichiarato che le misure di polizia, da sole, non porteranno a un miglioramento duraturo della situazione del parco e che per ottenere un cambiamento significativo dovrebbero collaborare tutti, dalle autorità coinvolte alla società civile.

Slovik ha sottolineato l’importanza di migliorare l’illuminazione, la gestione dei rifiuti e i servizi igienici e di realizzare strutture sportive, gastronomiche e sociali per supportare i tossicodipendenti e le persone senza fissa dimora. Ha inoltre invocato la costruzione di più aree gioco, al fine di rendere Görlitzer Park uno spazio verde sicuro per tutti.

La Polizeipräsidentin ha infine valutato la possibilità di recintare il parco durante la notte, seguendo l’esempio dell’ex aeroporto di Tempelhof, anche se ha sottolineato che tale opzione potrebbe incontrare difficoltà nell’implementazione. Continua intanto il dibattito su quali misure siano possibili e soprattutto su quali verranno effettivamente attuate, allo scopo di risolvere una situazione ormai incancrenita, che da anni si registra in questa problematica zona di Berlino.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!