Cristiani e ospiti: polemica sugli auguri di Pentecoste del sindaco di Berlino

tel aviv antisemitismo disordini Höcke è un nazista nomi pentecoste immobiliari
Kai Wegner, sindaco di Berlino. Photo credits: EPA-EFE/CLEMENS BILAN

Recentemente è divampata una polemica a proposito di un tweet pubblicato dalla Cancelleria del senato di Berlino e contenente gli auguri di Buona Pentecoste del neo-sindaco Kai Wegner (CDU).

Kai Wegner augura Buona Pentecoste in un tweet, ma piovono critiche

“Ai nostri cittadini cristiani auguro una benedetta Pentecoste. A tutti noi e ai nostri ospiti auguro giorni di riposo. Grazie a tutti coloro che fanno funzionare Berlino durante le vacanze” si legge nella dichiarazione di Wegner, pubblicata domenica mattina. Il tweet ha diviso l’opinione pubblica già sui social, ma è stata anche vivacemente rilanciata dalla politica cittadina e soprattutto dagli esponenti dei partiti di opposizione, Verdi e Linke in particolare.

“A Berlino vivono persone di diverse fedi. È deplorevole che Kai Wegner consideri i non cristiani solo come ospiti”, ha dichiarato Max Linke, esponente dei Verdi di Marzahn-Hellersdorf. “Grazie Kai Wegner, per il fatto che a me e a tutti gli altri che non sono cristiani sia permesso essere ospiti nella tua città” ha dichiarato invece con sarcasmo l’ex membro del Bundestag Niema Movassat, della Linke.

L’opinione pubblica allineata con queste posizioni, inevitabilmente palesatasi sul social, tende a vedere nelle parole di Wegner la volontà di tracciare una linea divisoria tra i cristiani, definiti in primis come “cittadini”, e i non cristiani, inclusi in modo ambiguo all’interno di una frase che contiene l’ambigua parola “ospiti”.

La Cancelleria del senato respinge le accuse e parla di “un deliberato voler fraintendere”

Non tutti però sono dello stesso avviso. C’è infatti anche una parte dell’opinione pubblica che ritiene che la polemica sia totalmente pretestuosa e che il tweet della Cancelleria del senato non sia affatto discriminatorio, visto che contiene anche l’espressione “tutti noi”, che andrebbe intesa come “tutti noi cittadini”, indipendentemente dal credo religioso. Per chi interpreta il tweet in questo modo, l’espressione “ospiti” andrebbe inoltre a identificare non certo i berlinesi di fede diversa da quella cristiana, ma semplicemente i turisti presenti in città durante la Pentecoste.

Un portavoce ha infine dichiarato a B.Z. che la Cancelleria del Senato “ha preso atto con irritazione di alcune reazioni al messaggio di Pentecoste del Sindaco del Governo”, parlando di un deliberato “voler fraintendere”, che non contribuirebbe in alcun modo a quella “cultura del dibattito” che è indispensabile, per far progredire la città di Berlino.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!