Lindner: “No ad assegno di base per i figli: il governo fa già abbastanza per le famiglie e i bambini”

welfare contro Christian Lindner fracking
Il ministro delle finanze Christian Lindner (FDP) Foto: EPA-EFE/MICHAEL SOHN / POOL

Il Ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner (FDP), ha respinto la richiesta dei Verdi di introdurre un assegno di base per i bambini, affermando che il bilancio federale non ha sufficienti risorse finanziarie per fare fronte ai costi che questo comporterebbe. La Ministra della Famiglia, Lisa Paus (Verdi), ha chiesto più volte l’introduzione di un assegno di base per i figli, valutando i costi in circa dodici miliardi di euro all’anno. Secondo Lindner, però, il governo federale sta già investendo un totale di sette miliardi di Euro in più all’anno in aiuti per le famiglie e i bambini, e gli assegni familiari sono stati portati a 250 Euro. Va notato che, secondo lo stesso Lindner, il bilancio federale del 2024 prevede entrate statali record, che dovrebbero superare per la prima volta i mille miliardi di Euro.

La ricetta di Lindner contro la povertà infantile: sostegno linguistico e integrazione dei genitori nel mercato del lavoro

Secondo il ministro, la sicurezza di base dei bambini è già garantita e la povertà infantile dovrebbe essere affrontata con un approccio diverso. Nello specifico, Lindner ha dichiarato al Bild am Sonntag che i bambini si trovano spesso in condizioni di indigenza a causa della disoccupazione dei genitori. Per questo motivo, sostiene, il sostegno linguistico e l’integrazione dei genitori nel mercato del lavoro sarebbero strumenti più efficaci rispetto a un sussidio di base.

Dietmar Bartsch
Dietmar Bartsch – Die Linke
Foto: DBT/Inga Haar

Il Ministro delle Finanze ha indicato invece altre priorità per il bilancio del 2024, tra cui il rinnovo delle infrastrutture di trasporto, la digitalizzazione, l’incremento della spesa militare per il potenziamento dell’esercito, il supporto all’istruzione e alla ricerca, la modernizzazione del settore dell’artigianato, delle piccole e medie imprese e dell’industria.


Leggi anche:
Il “programma fiscale ambizioso” di Lindner: più incentivi fiscali per le imprese, meno selezione in materia di energia

Dietmar Bartsch (Die Linke) critica la “freddezza sociale” di Lindner

Il capogruppo parlamentare di Die Linke, Dietmar Bartsch, in un’intervista al RedaktionsNetzwerk Deutschland, ha criticato aspramente Lindner, accusandolo di “freddezza sociale” e affermando che la povertà infantile ha raggiunto livelli record in Germania e che le famiglie con bambini sono state fra i soggetti più colpiti della crisi legata alla pandemia prima e all’inflazione poi. Bartsch ha spiegato che i sussidi attualmente disponibili non arrivano a compensare l’inflazione e che un assegno di base per i figli è assolutamente necessario. Ha anche invitato SPD e Verdi a opporsi a Lindner e ha chiesto al cancelliere Olaf Scholz (SPD) di prendere posizione sulla questione.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest