Cannabis legale in Germania: no a vendita generalizzata

legalizzazione 1400 cannabis legale marcia
Berlino, Cannabis Parade (2018). Photo credits EPA-EFE/ALEXANDER BECHER

Il ministro federale della sanità Karl Lauterbach (SPD) e il ministro dell’Agricoltura Cem Özdemir (Verdi) hanno presentato mercoledì a Berlino le recenti modifiche al progetto del governo sulla legalizzazione della cannabis.

Dopotutto sta arrivando” ha twittato Lauterbach, ma l’iter sta ancora procedendo a rilento e affrontando mille ostacoli, che stanno fiaccando l’entusiasmo dei sostenitori.

Cannabis legale in Germania: Lauterbach e Özdemir presentano i nuovi punti

Nell’accordo di coalizione, i partiti di governo avevano concordato di introdurre la “distribuzione controllata di cannabis agli adulti, per il consumo, in negozi autorizzati” e a ottobre il ministro della sanità aveva presentato una proposta con alcuni punti chiave, ma l’attesissima bozza di legge è ancora rallentata da diversi problemi. In primis, la preoccupazione che possa configgere con le linee guida dell’UE ed essere quindi bloccata, nonostante l’ottimo riscontro che Lauterbach ha dichiarato di aver avuto dalla Commissione, a metà marzo.

Si restringe l’ambito della proposta: niente vendita a tutti gli over 18 e quantità inferiore

Con questo spirito, mercoledì sono stati presentati i nuovi punti chiave, che restringono di molto l’ambito dei precedenti. La vendita di cannabis, infatti, non sarà legalizzata per tutti i maggiori di 18 anni e anche la quantità per il consumo personale sarà inferiore a quella originariamente prevista. Vediamo il dettaglio.

riforma della sanità senza figli
Il ministro della sanità tedesco Karl Lauterbach durante una conferenza stampa al Bundestag sulla situazione della pandemia. Berlino, 12 agosto 2022.
Foto: EPA-EFE/CLEMENS BILAN
  • Il tetto massimo consentito per il consumo personale passa dagli originali 30 grammi per adulto a 25. Per i minori, il consumo resta vietato.
  • Per la coltivazione personale, saranno consentite “tre piante da fiore femmina per adulto”. Rispetto a questo punto, quindi, nessuna variazione.
  • Naufraga l’idea che la cannabis possa essere disponibile per tutti gli over 18, nei cannabis shop o addirittura nelle farmacie. Questa possibilità sarà valutata solo in una seconda fase. In prima istanza, la libera vendita sarà prevista solo nell’ambito di progetti pilota regionali, scientificamente monitorati.
  • Un passo intermedio verso la vendita della cannabis legale potrebbero essere i cosiddetti cannabis social club, in cui i membri (massimo 500) potrebbero rifornirsi di prodotti provenienti dalla propria coltivazione, con un tetto massimo di 25 grammi alla volta e un massimo di 50 grammi al mese. Per i minori di 21 anni, la quantità limite è fissata a 30 grammi. Chi non è socio non potrà acquistare cannabis.

Cosa accadrà adesso

Dopo la presentazione di questi punti, il prossimo passo dovrebbe essere la presentazione di una prima proposta di legge ad aprile. La proposta dovrà essere approvata dal gabinetto federale e quindi passare passare attraverso la ratifica di Bundestag e Bundesrat.

Intanto, contrariamente a chi ritiene il percorso di approvazione della nuova legge troppo lento e complicato, una serie di voci della politica formano un coro entusiastico. “C’è un uovo di Pasqua ritardatario nel nido di canapa!” ha twittato ad esempio Kirsten Kappert-Gonther, politica di riferimento per la sanità dei Verdi, mentre la portavoce per le politiche sulle droghe dell’FDP, Kristine Lütke, ha twittato: “Finalmente!” .

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!