Scholz e Putin un’ora al telefono. Putin definisce i suoi attacchi “necessari” e il sostegno europeo all’Ucraina “distruttivo”

nessun sospetto irrispettoso
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz durante la registrazione del suo discorso alla nazione dell'8 maggio 2022. Cancelleria di Berlino. EPA-EFE/Andreas Gora / POOL

Il presidente russo Vladimir Putin e il cancelliere tedesco Olaf Scholz si sono sentiti al telefono per un’ora. Durante la telefonata, hanno affrontato la questione della guerra in Ucraina, ma anche la situazione alimentare internazionale, pregiudicata dall’invasione russa.

Olaf Scholz e Vladimir Putin al telefono, per la prima volta da settembre

L’ultima volta che si erano parlati, era stato a metà settembre. Vicini alla fine di quest’anno di guerra, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente russo Vladimir Putin si sono sentiti nuovamente, restando al telefono per circa un’ora.


Leggi anche:
Scholz su Putin: “Non accettiamo referendum farsa”. E su mobilitazione riservisti: “Atto disperato”

figlia di putin
Il presidente russo Vladimir Putin, maggio 2022. EPA-EFE/SERGEY GUNEEV / KREMLIN POOL / SPUTNIK / POOL MANDATORY CREDIT

Vladimir Putin: Scholz la smetta di supportare militarmente l’Ucraina

Putin ha definito gli attacchi russi “necessari” e “distruttivo”, invece, il sostegno fornito all’Ucraina dall’Europa. Menzionando espressamente la Germania, che “sostiene il regime di Kiev con armi e addestra i soldati ucraini”, il leader russo ha invitato Scholz a riconsiderare il supporto di Berlino all’Ucraina. Putin ha inoltre invitato il cancelliere a partecipare alle indagini sul danneggiamento dei gasdotti Nord Stream.

Olaf Scholz e Vladimir Putin a Mosca. Febbraio 2022. Kremlin.ru, CC BY 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/4.0>, via Wikimedia Commons

Olaf Scholz: Putin ritiri le truppe e smetta di attaccare le infrastrutture civili

Dal canto suo Scholz ha ribadito il sostegno della Germania a Kiev, ha condannato gli attacchi aerei russi contro le infrastrutture civili in Ucraina ed esortato il presidente russo a ritirare le sue truppe e accettare una soluzione diplomatica. In base a quanto riportato dal Cremlino, il presidente russo avrebbe dichiarato di aver evitato a lungo attacchi missilistici di alta precisione contro alcuni obiettivi, in Ucraina. Gli attacchi sarebbero però divenuti inevitabili, sempre in base a quanto dichiarato dalla Russia, alla luce degli “attacchi provocatori di Kiev”.

Le due parti hanno discusso infine anche della situazione alimentare mondiale, compromessa dalla guerra in Ucraina. Sia Scholz che Putin hanno sottolineato l’importanza dell’accordo sul grano, recentemente esteso con la benedizione delle Nazioni Unite. Hanno inoltre stabilito di rimanere in contatto.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest